martedì 30 novembre 2021

La morte del trasporto pubblico in Italia - 6 Dicembre 2021

 


Giorno 6 Dicembre il trasporto pubblico in Italia cesserà di esistere.

Uno dei giorni che verrà ricordato come tra i più bui della nostra Repubblica.
Sarà quindi un trasporto esclusivo per i finti immuni dal siero ad RNA.
Milioni di italiani saranno costretti ad usare mezzi privati, spesso le auto, aumentando traffico ed inquinamento che attualmente provoca in Italia 6700 morti premature al mese, oltre 4 volte in più quelli da covid negli ultimi 30 giorni.
Provano maldestramente a risolvere un problema e ne creano un altro impiegando forze dell'ordine che potrebbero invece ridurre la criminalità. Creano divisioni sociali, malcontento, manifestazioni e una possibile escalation mai vista prima.
Per non parlare di chi non vuol fare il vaccino e si farà infettare appositamente per avere la super tessera magica per usare i servizi che paga con le proprie tasse.

Insomma, passo dopo passo, sempre più verso il baratro.

sabato 17 luglio 2021

Un potenziale pericolo...

 


Mi fa veramente paura il fatto che molti cittadini si stiano scagliando sulle persone non vaccinate come se fossero loro la causa della risalita dei contagi.
La causa principale è il mancato rispetto delle regole sul distanziamento, cioè com'è sempre stato. I quasi 52 mila casi di ieri nel regno Unito, cioè il paese con più vaccinati in Europa, dovrebbero far riflettere. Se prima si criticava chi andava in giro a spargere il virus senza mascherina e faceva assembramenti, adesso si scaglia contro i non vaccinati.
Chi è vaccinato può diventare positivo e contagiare, quindi prego a tutti di porre l'attenzione nuovamente sul rispetto delle regole del distanziamento che sono il punto fondamentale per non far salire i contagi.
Chi critica duramente i non vaccinati non fa altro che mettere benzina sul fuoco in una potenziale grave discriminazione e sappiamo negli anni passati com'è andata quando è stata appositamente creata...con conseguenze davvero terribili.

"Divide et impera", non cadete in questa trappola.

lunedì 18 novembre 2019

ETNA 1669 - L'eruzione che distrusse Catania - Video

Qui trovate un bellissimo video di Antonio De Luca (PassioneEtna) in cui ricostruisce la storica eruzione dell'Etna del 1669 che distrusse molti paesi e parte della città di Catania.

L'augurio è che l'ammiistrazione comunale e regionale valorizzi questa storica eruzione con apposite segnaletiche, illuminazioni, percorsi, eccetera, creando un singolare parco, storico, lavico cittadino unico al mondo.

Buona visione (prima parte):




Seconda parte:

 


Qui altre informazioni ed immagini al riguardo.

sabato 4 agosto 2018

Posaceneri e portacicche portatili, tascabili. Ecco alcuni modelli in vendita.


Ancora troppo spesso, si vedono persone che gettano i mozziconi di sigaretta a terra come se fosse una cosa normale. Le cicche sono molto dannose per l'ambiente e sono estremamente difficili da ripulire, ad esempio finiscono nei tombini otturandoli, creando gravi pericoli in caso di forti temporali. Nella foto in alto potete vedere come si è ridotta un'aiuola per colpa degli incivili che gettano le cicche a terra. Viene facile capire come sia complicato ripulirla da questi rifiuti.

Da anni, fortunatamente, esistono numerosi modelli di posaceneri-portacicche portatili e tascabili che se usati, possono eliminare simili problematiche

Vi mostro quindi alcuni modelli in vendita su Amazon, costano solo pochi euro:










mercoledì 11 ottobre 2017

I costi della Chiesa in Italia: miliardi di euro all'anno...

Come sarebbe la nostra terra se invece di pagare i preti per far pregare le persone si pagassero per ripulirla dalla spazzatura, per piantare alberi, per prevenire gli incendi e fare altre cose utili per la società?


giovedì 19 gennaio 2017

Roma. Inizia la sperimentazione delle bici su bus e Tram. Ecco il Regolamento.


Da giorno 16 Gennaio 2017, nella nostra capitale, è iniziata la sperimentazione per trasportare, in alcune fasce orarie, le bici a bordo di diverse linee tram ed autobus urbani ATAC.

In Italia purtroppo ancora questa non è una pratica diffusa al contrario del resto del mondo dove, in diverse città, gli autobus urbani sono attrezzati di appositi porta bici esterni dove poter agganciare la propria bici.

Il mio augurio è che una simile pratica possa essere adottata anche in tante altre città per garantire l'intermodalità bici-bus che è utilissima soprattutto nel caso di città in pendenza che permettono di effettuare velocemente la parte in discesa in bici e risalire senza faticare grazie ai bus, ad esempio a Catania sarebbe utilissima.

Questo il regolamento per il trasporto delle bici su Tram e Bus a Roma:
Le biciclette non pieghevoli  sono ammesse in base alla linea, alla tipologia del mezzo e alla fascia oraria. Di seguito i dettagli del nuovo regolamento valido a decorrere dal 16 gennaio 2017.
Bike friendly per la rete di superficie - AutobusE' ammesso il trasporto di biciclette non pieghevoli, come bagaglio a mano, secondo le modalità e le disposizioni di seguito indicate. Il pittogramma “Bike friendly” identifica i mezzi accessibili con bici al seguito.
Linee Bus 83, 118, 412, 673, 715, 772, 791, 911
  • giorni feriali: linea accessibile alle bici da inizio servizio fino alle ore 7, dalle ore 10 alle 12 e dalle 20 a fine servizio
  • giorni festivi e nel mese di agosto: linee accessibili alle bici per l´intero orario di servizio
Linee Bus festive 120F e 180F
  • giorni feriali: linee non attive
  • giorni festivi: linee accessibili alle bici per l´intero orario di servizio
Bike friendly per la rete di superficie - Tram
E´ ammesso il trasporto di biciclette non pieghevoli, come bagaglio a mano, solo sulle vetture Jumbo tram a pianale ribassato riconoscibili dai numeri di serie 9100 e 9200. Il pittogramma “Bike friendly” identifica le vetture accessibili con bici al seguito.
Linee tram 2, 3 e 8 (normalmente servite dai tram serie 9100 e 9200)
  • giorni feriali:  linea accessibile alle bici da inizio servizio fino alle ore 7, dalle ore 10 alle 12 e dalle 20 a fine servizio
  • giorni festivi e nel mese di agosto: linee accessibili alle bici per l´intero orario di servizio
Linee tram 5, 14 e 19 (saltuariamente  servite dai tram serie 9100 e 9200)
  • giorni feriali linea accessibile alle bici da inizio servizio fino alle ore 7, dalle ore 10 alle 12 e dalle 20 a fine servizio
  • giorni festivi e nel mese di agosto: linee accessibili alle bici per l´intero orario di servizio
Le linee di superficie "Bike friendly" sono riconoscibili dal pittogramma di una bicicletta rossa su sfondo bianco (visionabile ad inizio articolo), presente sulla doga di fermata e sui Jumbo Tram, accessibili.
Per gli abbonati Metrebus il trasporto della bicicletta è gratuito, altrimenti anche per ogni bicicletta va acquistato un biglietto. Le biciclette pieghevoli possono viaggiare gratuitamente ogni giorno della settimana per tutta la durata del servizio.

lunedì 24 ottobre 2016

La discriminazione degli inglesi e del negozio Chain Reaction Cycles



Incredibile quello che mi è accaduto oggi, volevo comprare un cambio posteriore Shimano XT per la bici trovando una buona offerta sul sito inglese Chain Reaction Cycles (CRC) dove lo vendevano a soli 46,99 euro.
Appena loggato sul sito mi è stato chiesto di specificare la nazionalità e tra le opzioni dell'Italia ho trovato stranamente anche l'opzione Italia-Sicilia.

Appena l'ho selezionato, il prezzo dell'articolo è magicamente aumentato rispetto alla selezione "Italia", per l'esattezza è aumentato a 52,49 ovvero ben 5,50 in più, mentre le spedizioni gratuite, che prima erano a partire da una spesa di 49 euro, sono aumentate a partire da 99 euro.

Insomma dopo la scuola inglese che chiedeva di specificare se si fosse italiano o italiano siciliano, arrivano anche i prezzi personalizzati per chi risiede in Sicilia.

Tutto ciò è veramente incredibile, in genere in tutti i siti europei non chiedono neanche le spedizioni più costose per la Sicilia, qui, in questo shop inglese addirittura ti ritrovi anche i prezzi degli articoli maggiorati! 

Naturalmente non ho proceduto all'acquisto sentendomi preso in giro e discriminato, peggio per loro, comprerò altrove.

Qui gli screenshot che dimostrano quanto mi è appena accaduto.


Schermata con selezione Italia

Schermata con selezione Italia Sicilia

venerdì 12 febbraio 2016

La pericolosa pista ciclabile milionaria di Misterbianco



Questo lunedì, sono stato a vedere la pista ciclabile in costruzione di Misterbianco (vedi video qui sopra).

La pista, lunga 10 chilometri, doveva essere pronta nel 2015 ma ancora purtroppo risulta in costruzione. Nonostante il suo costo elevatissimo, praticamente da record, oltre 4 milioni di euro, la pista non risulta sicura per i ciclisti in quanto non protetta, ne realizzata con asfalto colorato ed infatti molte auto la invadevano sia in marcia che per parcheggiare!


Qui i costi stimati della Fiab, con un milione di euro si poteva fare una bellissima pista ciclabile di 10 chilometri ben protetta e con asfalto colorato...loro con oltre il quadruplo dei soldi non hanno fatto nulla di tutto questo.

Come se non bastasse, nel centro storico è stata semplicemente tracciata una linea senza rifare l'asfalto nonostante sia pieno di buche.



La maggior parte dei tantissimi soldi spesi finanziati dall'Europa per la ciclabilità sono stati quindi utilizzati per allargare le strade e fare un favore alle auto. Queste le condizioni prima dell'intervento.


In tantissimi punti, la pista ciclabile si stringe ai limiti del ridicolo, mentre in altri non si trova lo spazio per i pedoni che rischiano di essere investiti dalle bici e costringono quest'ultime ad invadere improvvisamente la corsia delle auto per evitarli.



Anche i muretti in cemento sono molto brutti e creano un netto e fastidioso contrasto con quelli del lato opposto. Mi auguro che almeno siano dipinti magari con opere artistiche in modo da renderli più gradevoli.


Che dire...con oltre 4 milioni di euro avrebbero potuto fare 10 fantastici chilometri di piste ciclabile, sicuri, senza buche e senza auto parcheggiate sopra che avrebbero attirato molti cicloturisti in paese ma invece, per l'ennesima volta, la priorità è stata di dare spazio alle auto e non agevolare e proteggere i ciclisti

Il comune di Misterbianco rimedierà a queste imperdonabili e gravissime carenze?

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.