martedì 13 gennaio 2009

I consumi dei televisori LCD plasma CRT ed OLED



Esattamente due anni fa avevo pubblicato un post che parlava dei televisori LCD ed al Plasma dicendo di non comprarli ed aspettare quelli OLED che verranno introdotti a breve.

Il motivo più importante di questo mio consiglio era per una questione ambientale, la sostituzione del vecchio televisore con uno di questi mostri LCD e Plasma farà consumare molta più energia che equivale ad un maggiore inquinamento e distruzione ambientale (ad esempio per una carenza energetica vogliono fare le centrali nucleari, ma basterebbe consumare meno energia per non averne la "necessità").

Un televisore a tubo catodico (o Cathode Ray Tube abbreviato CRT) di 22 pollici consuma all'incirca 50 Wh, se lo sostituiremo con uno da 37 pollici LCD i consumi saliranno a circa 150-200Wh mentre un plasma a 42 pollici consuma circa 250-300 Wh.

Sostituendo quindi tutti i televisori in casa con dei bei plasmoni, che sono anche detti i SUV da salotto per i loro consumi, avremo una bolletta salatissima ed un impatto ambientale devastante. Io all'epoca dissi che se proprio si voleva comprare un monitor di nuova generazione conveniva optare per LCD.

E' recente la notizia (fonte The indipendent) che la Gran Bretagna ha deciso di bandire i grandi televisori al Plasma (quelli con consumi molto elevati) e mettere delle etichette sul consumo energetico anche su tutti i televisori come si fa per le lavatrici, frigoriferi ecc.ecc.

La notizia mi fa senz'altro piacere e spero che un simile provvedimento venga adottato anche in tutta l'Europa, spesso la gente non ha neanche idea che comprando un nuovo televisore i consumi aumenteranno enormemente, alcuni pensano addirittura che i televisori a tubo catodico consumino più di LCD o Plasma magari facendosi trarre in inganno dalle dimensioni più ridotte. Ci sta una grandissima ignoranza in materia che stiamo pagando ben cara con i consumi energetici che per colpa di queste stupide nuove televisioni sono aumentati molto in questi ultimi anni (e di conseguenza anche le nostre bollette!).

Ricordo a tutti che sostanzialmente gli LCD e Plasma a parte la riduzione di spazio non hanno vantaggi significativi rispetto ai televisori tradizionali, ed in moltissimi casi il televisore "vecchio" batte quelli nuovi come ad esempio sull'angolo di visione, luminosità, risposta, inoltre la risoluzione elevata non serve a niente nel caso guardiamo la normale televisione anzi in questa circostanza i televisori tradizionali daranno il meglio offrendo un immagine perfetta al contrario di quelli nuovi che devono adattare il segnale televisivo in bassa risoluzione a quella elevata del pannello che comporterà lo sgranamento dell' immagine.

Concludo questo post con una richiesta, mi piacerebbe sapere i consumi dei vostri televisori, LCD, plasma o a tubo catodico, sul retro di esso trovate sempre una targhetta con scritto il consumo massimo, andate a vedere quanto consumano e se non vi dispiace lasciate anche un commento così paragoniamo i vari consumi.

Bisogna indicare almeno il numero di pollici e la tecnologia (LCD, CTR o Plasma) adottata dal televisore per fare un buon raffronto, se conoscete anche il modello ancora meglio.

Inizio io con tre televisori che ho controllato:

14 pollici Daewoo CRT 39W
14 pollici Telefunken CRT 50W
21 pollici Philips CRT 56W

In questo modo potremo sapere più o meno i consumi dei vari televisori ed eventualmente anche vedere se alcune marche consumano tendenzialmente meno di altre a parità di pollici.

Ovviamente consiglio sempre di controllare il consumo prima dell' acquisto di un televisore, nei volantini pubblicitari non viene mai riportato nonostante sia un parametro importantissimo.

In alto trovate uno degli ultimi video sulla tecnologia OLED che permetterà di avere tantissimi vantaggi in termini visivi, dei consumi, di spazio ed altro ancora, la vera evoluzione dei televisori a tubo catodico che sfonderanno nel nostro mercato tra circa un anno.

76 commenti:

Ale ha detto...

io posseggo solo televisori CRT..mentre posseggo un monitor lcd da 19''..ed uno da 21''

Il vendicatore di Peter Pan ha detto...

Ti posto un articolo secondo il quale la tecnologia SED apparirà nel mercato solo nel 2010 per una drastico rallentamento di domanda degli attuali LCD.
La tecnologia SED verrà usata per costruire televisori ultrapiatti che al posto dei pixel verranno costruiti piccolissimi tubi catodici, quindi immensa qualità e bassissimo consumo, oltre che un notevolissimo risparmio (si prevede che il prezzo di lancio sul mercato sarà pari agli attuali LCD e plasma).
Quindi per i nostri computer aspettiamo che gli OLED abbassino i propri prezzi (qualche OLED già si trova sul mercato: 15pollici 1500€)e per i televisori aspettiamo pazientemente un altro anno.
Ecco quindi l'articolo promesso:
http://www.avmagazine.it/news/televisori/758.html

nuovamusica ha detto...

Dire che gli OLED "sfonderanno" sul nostro mercato tra un anno mi pare azzardato. Li cominceremo a vedere (ma a che prezzo?), ma prima che si diffondano veramente (in seguito anche ad un abbassamento dei prezzi) credo passerà più tempo.

P.S. Sono un ingegnere elettronico.

Glò ha detto...

Siamo alle solite: il televisore al plasma è figo... e FA figo...

(ma di consumi non se ne parla e non se ne parlava MAI)

W il tubo catodico.

Ciau
Glò

Il Blog | Attualità | Psicologia ha detto...

Complimenti per il tuo Blog!
Voglio chiederti se ti andrebbe di fare uno scambio di link con il mio: www.francescogreco.splinder.com

Fammi sapere!
Ciao
Francesco

Papà Volontario ha detto...

20 pollici Mivar CRT 20 M2 56 W
32 pollici Mivar CRT 32 SI 106 W

Alessio ha detto...

Grazie mille Papà Volontario, questo post sta già in prima posizione su google con alcune chiavi al riguardo. Il tuo contributo è molto importante e sono sicuro che in futuro ne arriveranno tanti altri e così potremo farci meglio un quadro sui consumi dei televisori.

Anonimo ha detto...

lcd philips 15" 45W(2006)
crt amstrad 20" 80W(2002)
Crt samsung 18" 75W(1990)

Antonella ha detto...

32 pollici LG 2008 150W

Alessio ha detto...

Grazie Antonella per il contributo, immagino si tratti di uno schermo LCD

Anonimo ha detto...

per un MIVAR modello 28M51 sono indicati 68W a 230 Volt ( norma Cenelec ).

Ciao e grazie per l'utilissimo blog che gestisci.

Massimo

Anonimo ha detto...

...scusa..per il Mivar modello 28M51 intendo un modello CRT
Massimo

Mauro P. ha detto...

Scusa Alessio, ma per prima cosa i consumi si calcolano in watt [W] e non in wattora [Wh], e cosa più importante, non puoi trarre in inganno il lettore con confronti del tipo
"Un televisore a tubo catodico (o Cathode Ray Tube abbreviato CRT) di 22 pollici consuma all'incirca 50 Wh, se lo sostituiremo con uno da 37 pollici LCD i consumi saliranno a circa 150-200Wh mentre un plasma a 42 pollici consuma circa 300-400 Wh."
Cioè, non vedo il senso nell'ipotizzare che una persona sostituisca un Tv da 22 pollici con uno da 37! Sono 38cm di diagonale in più, è un paragone insensato. Seppure sia vero che gli LCD consumino più dei CRT in determinate applicazioni, come nelle televisioni (l'energia in più consumata è dovuta in gran parte alla retroilluminazione dello schermo, non tanto alla tecnologia LCD che di per se consuma poco). Comunque il consumo è di poco maggiore in realtà: ti cito un Samsung 22 pollici HD con decoder digitale interno che consuma 50W, al pari di un 18 pollici CRT di marca sconosciuta vecchio di vent'anni.

Di solito apprezzo i tuoi articoli, ma stavolta potevi fare meglio.

Ciao!

Anonimo ha detto...

come Mauro P. anche io ero dell'idea che i consumi maggiori dipendessero dalle dimensioni dello schermo. Tanto per dare due indicazioni , un raddoppio di diagonale (a parità di proporzioni video) corrisponderebbe ad una superficie quadruplicata, quindi a parità di tecnologia l'energia necessaria per illuminare lo schermo di un televisore di 40 pollici dovrebbe risultare almeno/circa 4 volte superiore a quella necessaria per un 20 pollici, sia parlando della griglia attiva/passiva che della retroilluminazione. Siccome da quando ho cambiato casa sono SENZA televisore (circa 3 anni) e pur non mancandomi in realtà, stò cercando in tutto il web informazioni utili per acquistarne uno, ho scoperto a malincuore che i televisori LCD (verso i quali ero indirizzato principalmente per i consumi TEORICAMENTE minimi) consumano dai 190W a 220W dichiarati (non misurati) indistintamente dai 20 pollici ai 42 (ho confrontato solo Samsung per ora)!!! A questo punto deve essere questione della elettronica che stà intorno alla tecnologia LCD e di rendimenti oppure di trascuratezza e approssimazione nello stilare una caratteristica di targa così importante quale il consumo. Certo è che in questo momento sono fortemente scoraggiato ad acquistare una TV così "antieconomica" anche se più salutare rispetto al catodico nell'impatto diretto(almeno questa è la mia opinione). Accanto ai consumi dei televisori bisogna aggiungere il canone (giusto o ingiusto che sia)...e io non lo pago per ora. Lo ho sempre pagato PRIMA quando avevo la televisione, e l'idea di riprendere questo pagamento che immaginavo di ammortizzare per mezzo di consumi elettrici ridotti a questo punto mi indispone alla ennesima potenza.

desigabri

Anonimo ha detto...

non so se è permesso, al limite verrà cancellato. Questo è un documento del sole ventiquattr'ore che mette a confronto il consumo di una 40ina di apparecchi TV. E' un pò più confortante rispetto a quello che avevo ricavato spulciando fra i diversi dati tecnici.
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2007/11/tab.pdf

desigabri

Alessio ha detto...

desigabri grazie tante per il tuo contributo

nuovamusica ha detto...

La parte più rilevante (80%) dei consumi di energia elettrica in un LCD è dovuta alla fonte di luce posteriore (backlight). L'elettronica del televisore ha consumi ridotti. Tanto è vero che, riducendo la luminosità del televisore (che è legata all'illuminazione posteriore), i consumi scendono.

nuovamusica ha detto...

E comunque, come ha scritto Mauro P., i paragoni si fanno a parità di superficie, non ha senso paragonare un 22 pollici con un 37.

Anonimo ha detto...

Molto interessante questo post, sul mio blog http://schermioled.it/ mi occupo appunto di tecnologia OLED e anch'io ho rimarcato il fatto che LCD e Plasma consumano troppo!
Ancche in Italia è appena uscito il Sony OLED XEL-1 purtroppo il prezzo è troppo elevato ma il mercato comincia a formarsi!
In casa ho un 26 pollici LG che dovrebbe consumare solo 58watt. Consiglio anch'io di non prendere schermi troppo grandi e di aspettare gli OLED organici.

Mauro P. ha detto...

Come si può vedere dalla tabella che ha riportato desigabri, i consumi non sono così "mostruosi" una volta presi i giusti parametri. Sebbene possano essere maggiori dei CRT, la differenza è comunque esile.Certo, ovvio che un 60 pollici consumi uno sproposito, ma trovami chi sostituisce un 22" CRT con un 60" al plasma! E qui ribadisco il fatto che sia scorretto fare certi paragoni assurdi.

Tornando agli OLED, mi pare, ma non son sicuro, che i mini-notebook (Asus EEE oppure Acer Aspire One per intenderci) in alcune versioni (non ricordo quali) montino questa tecnologia o qualcosa di molto simile.

Anonimo ha detto...

Ciao Mauro,
non credo che su EEE PC e aspire ONE verrano a breve montati OLED, al CES 2009 sono stati presentati prototipi di portatili con schermi flessibili come il Sony Vaio. Sui notebbok da 15 pollici credo stiamo per comparire, ne darò notizia nel mio sito schermioled.it
anchele batterie dureranno finalmente di più!!!

Anonimo ha detto...

CRT Sony KV28FX65 126 Wh

Danx ha detto...

Ottimo articolo, sai cosa penso?
Che prima di acquistare qualcosa, a parte la sua utilità e consuma, bisogna pensare a cosa c'è dietro la sua lavorazione.
Pensa alle lattine delle bevande di cui ha parlato grillo nel Monnezza Day.
Si si cambio tv per risparmiare 2 euro e qualche emissione...però per la sua produzione magari distrutto interi paesi :(

Anonimo ha detto...

mah ... http://www.p2pforum.it/forum/showthread.php?p=3104605

Anonimo ha detto...

Prima ancora di parlare di consumi, se mi è concesso, vorrei fare una piccola precisazione:I televisori LCD e al PLASMA hanno delle immagini non belle se paragonate ai CRT, e per controllare questa mia affermazione non c'è bisogno di essere tecnici.L'HD che io sappia, da circa sei mesi a questa parte è trasmessa solo sui canali satellitari di SKY.Per cio che riguarda OLED non ne ho mai visti pertanto non posso esprimere un mio commento. Un mio carissimo amico dopo aver acquistato un TV al plasma l'estate scorsa ha deciso di comprare anche un condizionatore per abbattere l'elevata temperatura che si era formata nell'ambiente dopo l'installazione del TV al plasma; In questo caso i consumi energetici raddoppiano prima si dissipa energia per vedere la TV poi si dissipa energia per raffreddare l'ambiente. Vale dunque la pena a questa stregua, ora come ora abbandonare il vecchio TV CRT?
Saluti
Silver

terrastudio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
terrastudio ha detto...

caro Mauro p. è vero che nn si possono paragonare "tecnicamente" un 22" crt con un lcd da 32.
ma "economicamente", "commercialmente", "sociologicamente"...e soprattutto "inevitabilmente" si può eccome! siamo in una società consumistica che te li rende appetibili e desiderabili in tutte le salse...chi cambia il 22" con un 40"??? tutti. (parlo in percentuale ovviamente) di conseguenza l'impatto sul consumo energetico familiare e mondiale è inevitabile. secondo il tuo insistente postulato nn potremmo paragonare per esempio il costo/beneficio di un ottimo isolamento termico di una casa con il costo/beneficio di un condizionatore? tecnicamente no. sociologicamente si.
praticamente sì.

Anonimo ha detto...

Se c'è un minimo disturbo gli LCD si vedono da cani, i visi sembrano quelli dei videogiochi e della grafica computerizzata. I Plasma si vedono un po meglio degli LCD ma il CRT è sempre superiore e garantisce immagini più naturali.
Nei negozi mi sembra abbissino la luminosità e il contrasto dei vecchi CRT per evitare che le persone vedano le differenze.
Incredibilmente poi le persone si abituano a vedere sui 16:9 immagini deformate, facce ciccione e gente corta e ti dicono pure di rimirare il loro TV HD con i colori sintetici gli artefatti e le immagini fasulle.
Alla fine se vuoi un 50" o oltre perché le persone non si comperano un videoproiettore (durerà meno ma a pari dimensioni costa pure meno).

Mauro ha detto...

Rispondo con questo a TERRASTUDIO.

Il tuo discorso non regge. Per quanto riguarda il tuo esempio (isolamento termico-condizionamento) si tratta di beni-servizi con atti a soddisfarre le stesse necessità.

Il discorso sui televisori è ben diverso. Un televisore da 40 pollici può essere, se vuoi, paragonato a un 28-32 pollici, in quanto soddisfano la "necessità" di un televisore da salotto. Una Tv da 20 pollici è il tipico apparecchio da cucina o da camera da letto, che a rigor di logica (sociologica, come la definisci tu), verrà sostituito da un apparecchio simile, un 20-22 pollici Lcd come se ne vendono a migliaia.

In ogni caso il confronto tra un 40 pollici e un 20 pollici va debitamente giustificato se lo si vuole rendere credibile. Cosa che non è avvenuta nell'articolo, ne nel tuo commento.

Cas ha detto...

Ciao Alessio,
mi fa piacere trovare discussioni che accendono il dibattio. In effetti è da poco che si sente parlare di "consumi eccessivi dei tv lcd", anche perché se la cosa fosse sbandierata ai quattro venti, le persone ci penserebbero 2 volte prima di acquistare alla cieca il tv a 50 pollici...

Dipende dai punti di vista, comunque penso che la maggior parte delle persone sostituisca televisori crt con lcd di dimensione simile e siano minori i casi in cui si passa da tv crt piccole a lcd grandi. (anche se io appartengo a questa minoranza)

Io mi ritrovo in sala con un vecchio Rex 20" o poco più anni 80 e vorrei sostiuirlo con un 32" o 40". Quando ho iniziato a leggere i consumi da capogiro dei primi lcd ci sono rimasto quasi secco :D
Con le nuove serie led ci avviciniamo ai consumi crt a parità di dimensioni.

Dipende molto anche dal televisore perché se il 32 pollici Mivar CRT 32 di papà volontario consuma 106 w (che è poco), ci sono anche i crt amstrad 20" 80W(2002) che consumano tanto rispetto alla dimensione che ha...
Desigabri parla di un articolo del sole 24 ore... interessante, ma come hanno misurato i consumi??
Al primo posto c'è un Samsung LE32R86WD che dice consumare in "griglia ANSI" 72w... ma in tutte le specifiche tecniche danno un consumo di 150w (http://www.shoppydoo.it/offerte-televisori_lcd_e_plasma-samsung_le32r86wd.html).

Cas

Anonimo ha detto...

Io posseggo un TV Nordmende da 14" comperato (regalato) nel 1984 e consuma 52W.


www.youtube.it/figamarsa

Lorenzo ha detto...

le mie tv:
CRT CGE 14" 50Wh
CRT PANASONIC 24" 64Wh

certo ke bisogna stare sul piccolo televisore! se più sali di pollici più il consumo esagera!
sul sito ACER LCD
19" 50Wh
22" 65Wh
26" 125Wh

Anonimo ha detto...

LCD Toshiba 42" del 2005 250W
stavo vedendo adesso per uno nuovo
se compri quelli con illuminazione LED posteriore si scende ad sempio
Samsung 40" LCD LED 125W
che è la metà circa a pari dimesione.

Ciao a tutti,

Michele.

Anonimo ha detto...

ho 1 crt da 28 pollici che consuma 68w e 1 monitor lcd da 22 pollici che consuma 55w

Bruno0.5 ha detto...

Sony 36" CRT KV-36FS70E: 170W (e pesante 90 Kg) stupendo!

ciao Bruno

Alberto ha detto...

Credo che nell'articolo sia stato omesso un importante punto a favore delle nuove tecnologie. In particolare non si è parlato di radiazioni. Sotto questo punto di vista, gli LCD sono nettamente avanti rispetto ai CRT, considerato che i primi hanno 0 emissioni.
Inoltre manca un paragone tra dimensioni uguali. Paragonare un 22" ad un 42" nn ha alun senso.

marco LCD LED SAMSUNG ha detto...

Ciao, trovo questo articolo alquanto sfourviante, la tecnologia OLED ha un corso di vita ridottissimo, i vecchi schermi CRT vengono prodotti con materiali tossici (diversi metalli, vernici acriliche), inoltre emettono molto radiazioni che non fanno certo bene. Il consumo dei CRT aventi uno schermo pari a un LCD è nettamente superiore, mentre è simile a un PLASMA (quest' ultimo ha una maggior dispesione di calore). Detto ciò non capisco come si possano esaltare i CRT, anche dal punto di vista del loro smaltimento (un grande inquinamento, visto che ti piace tanto la natura). La risposta a tutti questi problemi è LCD LED.

Anonimo ha detto...

Breve nota sui consumi:
- TV SONY catodico 25" mod. KV25C54 97W/h
- TV SONY LCD BRAVIA 32" mod KDL32P5600, in modalità HOME 88W/h
Quindi non è sempre vero che il catodico consuma meno...

studioso ha detto...

Articolo frutto di ignoranza in fondamenti di elettrotecnica.

Hai idea di quanto consumi ed inquini un CRT 30" da salotto? Supera i 250 Watt, genera raggi ed onde ionizzanti (il famoso "odore di aria bruciata")

L'equivalente comune LCD da 30'' arriva appena a 100 Watt, ed ha emissioni ZERO

Prima di fare terrorismo, informarsi.

Anonimo ha detto...

Potrei dire tanto su questo articolo, ma mi limito a dire che non c'è peggior cosa del diavolo che parla dell'acqua santa...un pochino di informazione in più non guasterebbe. fate una piccola ricerca sui crt per credere.

Anonimo ha detto...

Ma perche non provare semplicemente a fare una ricerca per 'LCD pollution' o 'inqunamento ed LCD' magari vi accorgete che l'LCD non è proprio un santo come credete. Le versioni con retroilluminazione a LED consumano poco ma quanto dureranno? inoltre l'odore emesso dai CRT quando scaricano è semplicemente OZONO non so quanto possa essere nocivo. Mi piacerebbe sapere dove avete letto che i CRT emettono radiazioni e quali a me non risulta. Sicuramente ci sono tecnologie migliori dei CRT ma gli LCD non sono tra quelle migliori

Anonimo ha detto...

Comparazione sui consumi CRT LCD? Qualcuno ha già fatto i conti leggete quì: www.casasalute.it/gestione/uploadFiles/TVeConsumi.pdf

Se poi volete sapere qualcosa di più sul loro inqinamento leggete quì: www.artwoo.com/article/is-your-flat-screen-lcd-tv-really-eco-friendly

Anonimo ha detto...

Ho un crt 29" schneider dal consumo massimo di 129W, ovviamente è collegato ad una ciabatta on/off così alla sera lo spengo sempre :)
Per il pc ho un 22" lcd, purtroppo dietro non è riportato il consumo, ma sul sito del produttore danno un consumo di 58W.

Anonimo ha detto...

Televisore LCD 32" Samsung 2006 180 watt

Vincenzo Costa ha detto...

Scusate se mi permetto. Credo ci sia un piccolo errore di forma nel post, per il quale vorrei richiamare l'attenzione dell'autore.
Quando si parla di consumi si sta parlando di "potenza assorbita" o di "energia consumata"?
Dai numeri riportati mi sembra si parli di "potenza", in tal caso l'unità di misura da utilizzare è il W (Watt) e non il Wh (Wattora).
La seconda è infatti un'unità di misura di "energia" e non di potenza. Il wattora è l'energia consumata da un dispositivo con potenza di 1W in un'ora.
Lo stesso dispositivo consumerebbe 10Wh in 10 ore e così via.
L'energia consumata (in Wh) è quella che vi comparirà in bolletta, dipende dal tempo durante il quale stanno accesi i vostri dispositivi oltre che dalla loro potenza (in Watt), rimanendo quest'ultima sempre uguale.
Scusate per la lezioncina di Fisica, ma è piu' forte di me.

Anonimo ha detto...

Ma a chi conviene? Proviamo a fare due conti. Per evitare di legarci ad una specifica tecnologia diciamo semplicemente che abbiamo due televisori uno consuma 100W ( in un ora ) e uno consuma 50W ( in un ora ), ora tutti comprerebbero quello che consuma 50W anche se costa il doppio, Vi sembra giusto ?
Bene, la differenza di consumo tra i due apparati e di 50W ( in un ora ) quante ore lo tenete acceso in un giorno?
Se avete figli e non siete troppo nottambuli circa sette ore che moltiplicate per 50W ( in un ora ) sono 350W ( in sette ore) , mi rifiuto di pensare che voi lasciate accese le apparecchiature inutilizzate poiché se avete TVC + DVD + SAT + dolby + …. potete anche superare abbondantemente i 50W ( in un ora ) che moltiplicati per 17 ore (24 – 7) di STBY fanno solo 850W ( in 17 ore ). Quanto costa un Chilowattora ? Prendete la bolletta e dividete il totale per i chilowatt avrete circa 29 centesimi di Euro. Orbene ci vogliono circa tre giorni per consumare un chilowatt o se preferite per spendere 29 centesimi di Euro. Il risparmio è di circa di 10 centesimi di Euro al giorno. Poniamo che il vostro televisore risparmioso costi 400 Euro più dello sprecone ci vogliono QUATTROMILA giorni o circa 10 anni e mezzo per risparmiare i soldi spesi in più. CHE BELL’AFFARE … chiaramente le considerazioni sono puramente sul consumo perché se vediamo la cosa da altri punti vista … PEGGIORA.

Anonimo ha detto...

philips 37" fullHD LCD 180w

Catapum ha detto...

Vedo parecchia confusione tra commenti ed articolo stesso. Tuttavia, laddove nei commenti è normale ve ne sia, poiché chi legge un articolo non è tenuto a conoscere l'argomento, anzi, è presumibile che si stia informando, non è affatto normale o apprezzabile la presenza di tale confusione (ed errori) nell'articolo succitato.
Innanzitutto e qui mi stupisco nel non aver letto (forse ho saltato qualcosa) commenti degli utenti in merito al fatto che leggere e riportare il valore di consumo massimo scritto sul retro dell'apparecchio, è pressoché inutile, non ha realmente quasi alcun valore e NON rispecchia il consumo vero in condizioni d'utilizzo. Vi sono troppi fattori (che cambiano a seconda della tecnologia presa in esame, modo d'impiego, metodo di classificazione, accessori dell'apparecchio [Audio, Elettroniche e dispositivi aggiuntivi, ecc.) da prendere in considerazione, che non è possibile fare un calcolo. L'unico modo è misurare l'assorbimento alla presa di corrente (come la prova effettuata sul sole24ore).
La tecnologia LCD in un rapporto superficie/W è più efficiente dell'obsoleta CTR (perché un articolo che parla di questo, non vede il confronto di consumi rilevati e non li pone poi a paragone in base proprio alla superficie dello schermo?).
Perché non si accenna all'usura dei tubi catodici, che dopo poco tempo iniziano a perdere di qualità nelle zone superiori (poiché per l'illuminazione di una scena, viene dall'alto nel 99% dei casi), dunque il decadimento qualitativo e la conseguente necessità di cambiare apparecchio molto più frequentemente o ancora, perché non si parla delle macchie su CRT smagnetizzati mille volte, con colori sfalsati e spesso irrecuperabili, che portano anch'esse al suddetto problema?
Non ho poi trovato accenno nemmeno alla (in)stabilità dell'immagine, cosa che solo un LCD può realmente garantire, in seconda analisi un Plasma (sfarfallante ed elettrico per sua natura) ed in ultima, un CRT che già a 100Hz risulta meno dannoso alla vista, ma comunque traballante (anche se non sempre in modo "percepibile", pur sempre dannoso alla vista ed alla testa).
Né si parla della definizione, dove un Plasma o un CTR (peggio che mai), non sono in grado di rappresentare un pixel con contorni ben delineati, un LCD lo fa perfettamente e questo fa sì che lo sguardo non tenti costantemente di mettere a fuoco i dettagli (problema però più serio per gli schermi da PC, ché si usano a distanze ravvicinate).


Continua..

Catapum ha detto...

(Seconda parte)

Quest'elogio ad una tecnologia fortunatamente morta, è realmente fuori luogo e non solo perché fondato su informazioni sbagliate (i consumi trattati senza nessuna cognizione di causa, test o verifica significativa), ma soprattutto perché non tiene in considerazione l'evoluzione dei tempi e quello che queste nuove tecnologie hanno permesso. Prima si era fermi a dimensioni relativamente contenute, se si voleva una TiVu realmente grande, si doveva ripiegare su apparecchi costosissimi, ingombranti come mezzo salotto, visibili solo da davanti (altro che angolo di visione ridotto degli PCD). E' dunque normale che ora si sostituisca un CRT “piccolo” con un LCD più grande, perché probabilmente quel CRT piccolo occupava più spazio ed un CRT più grande di un tot o non esisteva o costava/pesava/ingombrava troppo!
Concludo informando i lettori, che un monitor 17” LCD non solo ha la superficie di un 19” CRT, ma consuma tra il 40 ed il 70% in meno di un 17” CRT (ed i nuovi con retroilluminazione LED, ancora meno).
Gli LCD inquinano di meno, pesano di meno, non hanno quasi più nessun problema di latenza, il nero è sempre più nero e non sono soggetti a consumo disomogeneo e sono decisamente più belli da tenere in casa. Attirano anche meno polvere (ne giova la salute ed il lavoro di chi pulisce).

P.S. Amo gli Oled, da oltre un anno ne ho uno sul cellulare e non tornerei agli LCD (plasma o quel che volete) per nulla al mondo, ma dobbiamo sperare che il problema che affligge tutti gli schermi dove i pixel stessi generano il colore (CRT, Plasma ed altri), ovvero, il consumo disomogeneo, sia arginato e controllato benissimo, poiché in un televisore può realmente essere una nota molto negativa. Le tecnologie ci sono, ma il costo basso per portarle al grande pubblico, ancora no. Vedremo ed incrociamo le dita!


Matteo

Anonimo ha detto...

Io posseggo due Mivar.
1) Mivar 17" CRT consumo 48Wh.
2) Mivar 21" CRT consumo 58Wh.

marco ha detto...

ho un innohit da 28" crt consuma (picco) 135w

Anonimo ha detto...

Non posseggo un televisore LCD o Plasma, ma sicuramente ne comprerò uno a breve.

Leggendo gli articoli sui consumi ed i costi di gestione annua una domanda nasce però spontanea:
Ha senso puntare su un prodotto che consuma meno e risparmiare così 30-40 euro all'anno (LED), quando però questo prodotto costa 400-500 euro in più del LDC ed ancor più del Plasma?

10 anni per recuperare la spesa sono DAVVERO troppi!

Anonimo ha detto...

per la statistica

Panasonic Color TV

230V 50Hz 70Wh

25KV

Grazie per aver creato questa pagina

Indio ha detto...

Nikkei crt 21 pollici 60w
hitachi crt 25 pollici 50w

Anonimo ha detto...

Ciao

SABA Color 10" 32W misurati

LOEWE Color 21" 70W misurati

entrambe vecchiette + di 25 anni,
le tengo ben strette e ci metto un decoder esterno.

Grazie, Marzio.

Catapum ha detto...

Eh sì, ben strette.. dove la trovi una TV che si vede bene come un catodico esauritissimo ed a bassa definizione di 25 anni fa..

Anonimo ha detto...

Vorrei rispondere a tutti quelli che dicono che non è vero che coloro che hanno un tv da 21 prendono un 40(esempio)ebbene vi sbagliate di grosso sono un venditore e per mia curiosità ho fatto un sondaggio:almeno l'80% della gente aumenta le dimensioni del proprio tv anche di parecchio dovuto a 2 principali motivi, il minor costo degli lcd di grandi dimensioni rispetto ai crt grossi e soprattutto il minor ingombro di un lcd di grande diagonale, come ben ricorderete i crt superiori al 32 erano sarcofagi quindi oltre al maggior consumo di lcd(che comunque a poco a poco sta scendendo)rispetto a crt c'è il maggior consumo per dimensione

Anonimo ha detto...

La situazione migliora .... preso uno sharp quattron 46" (edge led) assorbe solo 70W.

candido ha detto...

ordinato samsung LED : UE46B6000VW
consuma solo 105 W

non male vero?

Anonimo ha detto...

Consumi degli LCD bassi = "specchietto per le allodole".
Si forse consumano meno energia elettrica a parità di superfice, ma se a questa presunta parità aggiungete l'affidabilità e la durata ... dio ce ne scampi.
W il CRT W l'analogico

John ha detto...

CRT Thomson 28" - consumo max 90W
(da etichetta sul retro)

Sto pensando di passare a un LED di 26" (se trovo un Full HD a 300/400 euro) con consumo max di 40W

P.s. Votato SI ad Abolizione Nucleare

Leonardo ha detto...

Ciao Alessio ecco i consumi dei miei tv:
MIVAR 22 pollici m1 lcd con tuner hd consuma solo 46 Watt
MMIVAR 19 POLLICI m1 lcd consuma (RECORD!!!) SOLO 26 watt!!!!

I mivar sono i piu' parchi in assoluto!!!!!

ciao

Leonardo ha detto...

Dimenticavo i nuovi led MIVAR consumano rispettivamente 35 watt il 22 pollici e 90 watt il 32 pollici.

docente ha detto...

Per chi ha scritto che l'autore ha sbagliato parlando delle unità di misura dei consumi, ricordo che la misura della potenza (W) NON è un consumo energetico che il gestore può fatturare in bolletta.
Quello che pagate è l'ENERGIA (Wh o Joule ...), cioè il lavoro.
L'autore ha scritto correttamente i CONSUMI in Wh.
E' la solita storia ... chi apre la bocca è semore il più ignorante e questo, per chi ha passato la vita a studiare, è molto fastidioso.

Anonimo ha detto...

CRT 14" Thomson: max 30W, stand-by 4W;
LCD Samsung 19": max 44W, medio 30W, stand-by 1W
CRT Sony 25": max 97W;
LCD Toshiba 32": max 115W, stand-by 0,5W

Roberto Firenze ha detto...

Ho un 29" Triniton della Sony catodico: consumi da etichetta 130W
pari al prossimo LCD 46"D7000 Samsung che comprerò fra poco.

Anonimo ha detto...

Sarebbe veramente interessante sapere quanto durano i nuovi televisori..e dopo quanto tempo si è costretti a cambiarli a causa del costo di riparazione troppo alto.
Sono alle prese con un lcd LG di 34" (mi pare) che non funziona più dopo soli 3 anni e non so come farlo riparare..

Anonimo ha detto...

Buongiorno a tutti
Io sono dell'idea che bisogna acquistare un tv naturalmente in base ai consumi ma anche in base al costo.
Ma è importante sapere che oggi i televisori nn si riparano piu'quelli di fascia bassa, quindi quando acuistiamo un tv da 32 pollici a un prezzo di 300€ circa abbiamo fatto sicuramente un affare ma dobbiamo sapere che nn durera come i vecchi televisori a tubi catodici. 10, 20 anni.
Secondo me dovremmo calcolare oggi, che il televisore ci incide circa 70€ annuo, quindi potrebbe avere al massimo una durata di 5 anni.
Non conviene riparare queste apparecchiature conviene sostituirle.
Vi faccio un esempio lampante circa 6 anni fa' ho acquistato un tv schaub lorenz da 32" il top della gamma, la spesa èstata di 1200€ oggi lo stesso ma con caratteristiche superiori costa esattamente la meta'.
Conviene allora spendere tanto?
conviene allora riparare i vecchi tv?
Se sono fuori garanzia ti chiedono gia' 50€ di chiamata piu' la riparazione.
Tutto questo conviene?
A voi la scelta.
Io la mia l'ho fatta.

Anonimo ha detto...

Samsung CRT 29" Flat 90W

LG 55LE8800 55" Led 121W

Come vedete la differenza è esigua, mentre la resa è estremamente differente.

Anonimo ha detto...

TV Toshiba 19" LCD 40W. Spero che in due anni le cose siano cambiate perchè sennò hai scritto una cavolata enorme. Sto parlano di un LCD con 2 ingressi HDMI un VGA un SPDIF un entrata da 3.5 un 3gb uno scart un composit un usb u uscita audio da 3.5 e la tessera per la ricaricabile. Consuma meno, è meglio e la differenza è un solo pollice.
Modello: 19av734g

Anonimo ha detto...

TV Toshiba 19" LCD 40W. Spero che in due anni le cose siano cambiate perchè sennò hai scritto una cavolata enorme. Sto parlano di un LCD con 2 ingressi HDMI un VGA un SPDIF un entrata da 3.5 un 3gb uno scart un composit un usb u uscita audio da 3.5 e la tessera per la ricaricabile. Consuma meno, è meglio e la differenza è un solo pollice.
Modello: 19av734g

Anonimo ha detto...

Il consumo del TV dipende anche dalla dimensione; se si prende un TV a tecnologia LCD da 20" della stessa misura del vecchio CRT il consumo energetico è minore quindi è ovvio che nel caso accendo un 40", il consumo diventa maggiore rispetto al vecchio CRT da 20"... cioè... mi sembra elementare no!? ^_^'

Mr. Mechano ha detto...

Sono passati ormai alcuni anni da questo articolo, e le tecnologie LCD e Plasma si sono evolute.
Oggi una ultima generazione Plasma full hd consuma
165w per un 50" e 185w per un 60".

Le dimensioni inferiori LCD con retroilluminazione a Led sono tutti abbondantemente sotto i 100w.

Ormai si stanno evolvendo, non hanno più materiali inquinanti e consumano sempre meno.

Anonimo ha detto...

Buonasera, sono il 2014, gli unici oled avvicinabili sono quelli del cellulare. Per i televisori si parla ancora in migliaia di euro. Ci avevi visto lungo, non c'è che dire :-P
Come sta il tuo CRT?

Anonimo ha detto...

salve,
comunque non puoi confrontare un 22"con un 37"
se parliamo di consumi il crt consuma di più
allora ti faccio presente che un tv 17" CRT(che tanto ami) consuma 140 Watt all'incirca mentre 17" 17 watt!!! i crt consumano 10 volte di più!!!! il CRT lo puoi usare solo per tenere la finestra aperta per il cambio d'aria!!! 3 tonnellate per uno schifo che un po' di luce del sole e non si vede niente! per non parlare della risoluzione!! Siamo nel 2014 non nel 700!!!

renato ha detto...

Il mio panasonik 90 vm x 50 lcd consuma 81 w, mai lo cambierei con un crt.degli anni 80/90,come non avrei mai cambiato un crt con un valvolare con tanto di stabilizzatore di corrente a seguito degli anni 60..

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.