mercoledì 27 dicembre 2006

Il Natale, la nascita di Gesù e il Calendario



Provate a domandare alle persone "che cos'è il natale?" molti vi risponderanno, "è il giorno della nascita di Cristo, e si festeggia quest' evento". In realtà Gesù non è nato il 25 dicembre ma addirittura non si conosce neanche l' anno di nascita, che dovrebbe essere compreso tra il 4 e il 7 a.C. (bizzarro dover dire che Cristo è nato 4-7 anni prima della nascita di se stesso).

Quindi come mai quindi il 25 dicembre si festeggia questo evento? La ragione è molto semplice:

A partire dal 273 d.C. i pagani celebravano la festa del natale del “Sol invictus” introdotta da Aureliano, la festa dedicata al nascita del Sole, anch' essa il 25 dicembre. Infatti da quella data notavano che le giornate iniziavano ad essere più lunghe.



Quando però l' imperatore Costantino si convertì al cristianesimo, fu necessario fare di quella data non più il «dies natalis» dell' astro del giorno, bensì il «dies natalis» di Colui di cui l' astro era soltanto il simbolo nel cosmo. Così ebbe inizio il Natale (dal latino Natalis che significa "natalizio, relativo alla nascita") del Signore. Quindi tutte quelle storie sulla fine del mondo nel 2000 erano completamente prive di fondamento a priori dato che in quell' anno Cristo era nato almeno 2004 anni fa.

Naturalmente sorge un altra domanda, ma com'è possibile che Gesù sia nato in un periodo che non stia neanche tra il 3 a.C e il 3 d.C? L' errore madornale è da attribuirsi a Dionysius Exiguus, in italiano Dionigi il piccolo, un monaco originario della Scizia che nel 527 circa calcolò la data di nascita di Gesù Cristo, situandola nell' anno 753 dalla fondazione di Roma.
Dopo qualche secolo si diffuse l' uso di contare gli anni prendendo come punto di riferimento quella nascita di Cristo.
Una peculiarità di questa numerazione è che non esiste l' anno zero: Dionigi infatti non conosceva lo zero, che venne introdotto in Occidente soltanto alcuni secoli più tardi. Egli stabilì quindi che l' anno immediatamente precedente all' 1 (cioè l' anno nel quale era nato Gesù secondo il suo calcolo) fosse l'1 a.C.

Per ulteriori informazioni sulla religione cattolica e Gesù vi invito a cliccare su questo link dov'è presente un documentario estremamente interessante al riguardo.



Finisco questo post con un' altra curiosità, ecco da dove derivano i nomi dei giorni della settimana:
Italiano Latino (pagani) Latino (cristiani)
Domenica Solis dies Dies dominicus
Lunedì Lunae dies Feria secunda
Martedì Martis dies Feria tertia
Mercoledì Mercurii dies Feria quarta
Giovedì Iovis dies Feria quinta
Venerdì Veneris dies Feria sexta
Sabato Saturni dies Sabbatum

18 commenti:

TOYO ha detto...

il 25 dicembre e' una data astronomica che si riferisce ad una importante fase del sole, mentre la croce e' un simbolo antichissimo che non e' nato dal 33d.c. ma da tempi molto remoti e rappresenta l allineamento dei pianeti a croce con la terra al centro della croce e il sole in testa e la luna fra i due e tutti gli altri pianeti del sistema solare!
viviamo in un mondo di falsita' assoluta! cristoforo colombo era figlio del papa e quindi di b..... ed e' partito con le mappe dettagliate per spandere il dominio cristiano al nuovo mondo con le buone o cattive!

Anonimo ha detto...

Per quanto strano possa sembrare già conosciamo la data. Primo marzo. Ma è altrettanto vero che l'evangelista Luca indica fine marzo. A diffondere la data corretta in Europa, soprattutto nel nord, è stato Ireneo da Lione.
Ireneo è stato dicepolo di Giustino, che è stato discepolo di Policarpo, che è stato discepolo dell'evangelista Giovanni, che è l'apostolo che è vissuto più di tutti ed è morto di vecchiaia, come gli aveva profetezzato Gesù.
Insomma a riletare la data corretta è stato (non sarebbe stato) Giovanni alquando dopo la stesura dei Vangeli sinottici, che in ordine di tempo oggi sono i Vangeli di Marco, Matteo e Luca.
Riporli nel giusto ordine è stato di aiuto nella comprensione. Per quando riguarda l'anno di nascita di Gesù tutti purtroppo sono rimasti nella convinzione (compreso Matteo) che l'anno di nascita di Gesù sia stato il 309 dell'era di Alessandro. Il 309 dell'era di Alessandro è a cavallo tra il 4 a.C. ed il 3 a.C. anno lunare con inizio al settimo mese lunare. Ponento l'anno di nascita al 309 dell'era di Alessandro la profezia di Isaia. "Il Messia nascerà tra 7+7+7 e 14+14+14 generazioni" non poteva essere spiegata, perchè in realtà 7+7+7 è la parte della vita di Gesù che non conosciamo, perchè lo dice questa profezia, che è Parola di Dio. Ed i dodici anni di Gesù finivano nel periodo del 7+7+7. Rimettendo a posto le date, ora diventa troppo lunga l'inserzione, l'anno di nascita di Gesù è il terzo dopo il sabbatico ed è a cavallo tra il 7 a.C. ed il 6 a.C. e la vita di Gesù è di 39 anni ebraici, nel senso che interessa 39 anni ebraici, era il modo di contare gli anni per gli Ebrei. I 39 anni di Gesù sono la somma di 12 + 7+7+7 + 6. L'età di 39 anni è compresa tra due generazioni una di 21 anni (7+7+7) ed una di 42 anni (14+14+14). Quindi in realtà l'interpretazione della profezia non è la somma di tante generazioni come scrivono i due evangelisti Matteo e Luca, ma la differenza di solo due generazioni.
L'aver trovato la data di nascita di Gesù ha migliorato la conoscenza di altre date, in particolare il giorno della morte di Erode il Grande che è esattamente subito dopo l'eclissi di Luna che precedeva la Pasqua del 4 a.C. nel calendario ebraico è il giorno della stessa festività ebraica Purim. Il nostro Natale ha ereditato almeno due usanze di questa festività chiamata Purim. Lo scambio di doni che facciamo è l'aiutare un povero a Natale. Anzi forse quest'ultima non la si usa più. Peccato!
Aver trovato la data di nascita di Gesù ha comportato anche il ritrovamento di altre date della vita di Gesù. Ad esempio la data del Battesimo di Gesù al 22 settembre del 27 d.C. e terminati i 40 giorni nel deserto abbiamo una connessione con il calendario neopagano celtico ed il sabato ebraico a cavallo con il calendario solare è al 31 ottobre 1 novembre, ossia quando si ha la notte del male, evocata dalle tre tentazioni a Gesù Cristo, Halloween. Il primo novembre invece è Samhaim ed è l'inizio del calendario celtico.
Anche la data di nascita di Gesù è un sabato nel calendario ebraico. Anticamente era Yule nella lingua inglese, è indicato in modo simile nelle altre lingue europee anche di ceppo non germanico, come il finnico e l'estone.
La data di Yule oggi la troviamo spostata al 21 dicembre. Sarebbe stato il papa Giulio I ad adoperarsi per il convincimento dei Celtici e di tutte le altre popolazioni nordiche allo spostamento della data. Per essere più convincente avrebbe assunto il nome di Giulio, perchè Yule, Jul, Jol, Joule, Juulli, Lil, Lille significa Giulio da Giulio Cesare che era stato assassinato in congiura a marzo, mese di nascita di Gesù di Maria. Appunto Merry Chrismas. Il mese (mas) di Cristo (anche indicato nella lingua inglese con X, a ricordo del Chi greca, iniziale di Cristo in greco).
Ireneo da Lione ha diffuso correttamente la data di nascità di Gesù al primo marzo, ma esattamente tre anni dopo. Ora è troppo lunga da stare a spiegare ma per riferirla in breve avviene uno strano effetto nel calendario di Roma. 36 mesi + 12 si replicano virtulmente tre anni dopo e quindi indietreggiando nel calendario senza tener conto del fatto che erano stati soppressi i bisestili si fissava la data esattamente tre anni dopo, ma è una data virtuale nel calendario solare giuliano, perchè Erode il Grande è morto esattamente due anni prima nel calendario ebraico, che è un calendario lunisolare con le festività oscillanti sul calendario solare.
Per concludere è già nota la data di nascita di Gesù.

Anonimo ha detto...

...e quindi quando sarebbe nato Gesù? ( scusa ma non sono riuscito a capirlo).

Alessio ha detto...

tra il 4 e il 7 a.C.

Anonimo ha detto...

Un giorno ben preciso. Un giorno di confusione. Sarebbe dovuto essere l'ultimo giorno di febbraio, ma divenne il primo marzo. Il primo marzo del 6 AC, il primo anno mancato biseatile, dopo una sequenza di dodici bisestili triennali. Un giorno di confusione per la cattiva informazione che venne data. Dovette essere anche l'inizio del censimento (quello veramente universale, non il primo di Quirinio, tre anni dopo). Fu non solo il primo giorno del mese, ma anche il primo giorno dell'anno di Roma.
In questo preciso giorno è nato Gesù.

Anonimo ha detto...

QUINDI DA VERI CRISTIANI E' BUONA COSQA NON FETEGGIARE IL NATALE IL 25 DEC, PERCHE COSI FACCENDDO CI UNIAMO AI PAGANI E NON CRISTIANI NEI LORO RITI....IL NATALE DEVE ESERE NEI NOSTRE AZIONI QUOTIDIANE E DEVE ESSERE SEMPRE CELEBRATO NEI NOSTRI CUORI....GESU CI AMA E CI CHIAMA A SE AFFINCHE' POSSIAMO SALVATI DAL MALE.

forestiero ha detto...

simpatico questo blog. peccato che tu abbia postato una foto con gesù biondo!

carlo ha detto...

Al di là della data, molto probabilmente 1 marzo, sono le simbologie che si ripetono e perpetuano. Il solstizio d'inverno era chiamato "sole bambino" da qui "Gesù bambino", era il momento astronomico in cui le giornate si allungavano ed esotericamente la luce si riaccendeva dentro di noi. E questo ha continuato a rappresentare Gesù per il mondo. Ci sarebbe invece molto da criticare come la Chiesa manipoli la storia, non solo lei per la verità: Gesù non proveniva da famiglia povera, anzi. Il falegname era un'attività redditizia, in più era della stirpe di Davide e questo gli ha permesso di studiare. E' stata ritrovata la tomba di Giacomo il minore con la dicitura" qui giace Giacomo figlio di Maria e Giuseppe, fratello di Gesù. Prima di Gesù erano apparsi sulla terra altri 2 personaggi che hanno avuto la stessa vita di Gesu': Horus in Egitto, Krisna in India, entrambi erano la terza persona della trinità.

Anonimo ha detto...

ma non capisco perche vi attaccate a delle cose futili...l importatne ke il 25 dicembre non si festeggia solo x i regali ma perche appunto la nascita del nostro signore..tutto quello che non è scritto nella bibbia è fonte di ricerche(come in tutta la storia a partire dai primitivi,la scienza non sa con esattezza la nascita dell homo sapiens)..in fondo senza il natale che vita sarebbe

michele ha detto...

Perdonatemi ma qui si confonde tra realtà e fantasia...
Io sono un'archeologo, amo molto la storia delle religioni e sono ateo.
Quello che ha scritto Alessio come input è quasi tutto giusto (al di la di piccole imprecisioni qui e li), dopo di che IL CAOS.
TOYO...cristoforo colombo aveva un padre e non era di certo il papa. La prima mappa del centroamerica è del 1504, e non è per nulla precisa.
Il primo di marzo è un'ipotesi suffragata da alcuni testi, ma come tutti i testi biblici vanno presi con le molle.
Gli anni più probabili sono 4-8 ac.
Non esistono TRINITA' ne in india ne in Egitto. Entrambe queste religioni sono basate sulle coppie divine maschile e femminile.
Sulla questione della deità di Jesu/Jeovah, figlio di Giuseppe della tribù di Davide non mi pronuncio perchè non voglio offendere chi crede.
Per l'anonimo che ha scritto prima di me: SOPRATTUTTO quello che è scritto nella bibbia è fonte di ricerche. Solo in Italia esistono decine di enti preposti allo studio dei testi biblici "canonici" e di quelli (stupidamente) epurati nei primi concili dell'era cristiana.
Solo per mettere un pochino di ordine :)

Anonimo ha detto...

gesù non è mai esistito è solo un mito,una mitologia che deriva dalla cultura egiziana,hanno copiato il dio sole d'egitto horus 3000 a.C.Horus è la divinità sole antropomorfa e la sua vita è una serie di mitologie allegoriche del movimento del sole nel cielo.da geroglifici si riconoscono molte cose di questo messia del sole.il termine "horizon" deriva dalla frase "horus has risen" anche il termine hours deriva dal termine horus in quanto le ore rappresentano il percorso del sole nel corso della giornata.
Anche il termine "sunset" ha origine da questa mitologia dato che horus aveva un fratello malvagio di nome set. set era la personificazine dell'oscurità,infatti ogni giorno horus vinceva la sua battaglia contro set mentre alla sera arrivava set e sconfiggeva horus mandandolo negli inferi,da qui il nome sunset.
è importante sapere che "l'oscurità contro la luce"o "il bene contro il male " sono fra le dicotomie mitologiche conosciute quelle più onnipresenti e sono dicotomie ancora oggi presenti su vari livelli.
PER SVEGLIARVI DA QUESTE FALSITA' SCARICATEVI ZEITGEIST. CERCATE PER COLORO CHE CREDONO ANCORA ALLE RELIGIONI DI METTER PER UN MOMENTO IN DUBBIO QUESTI MITI COME GESU,BASTA UN PO DI LOGICA PER CAPIRE,CHE IL 25 DICEMBRE NON è ALTRO CHE IL GIORNO IN CUI IL SOLE RICOMINCIA A RISALIRE,IL 21-21 DICEMBRE IL SOLE SMETTE DI SCENDERE PER 3 GIORNI RIMANE ALLA STESSA ALTEZZA POI IL 25 DICEMRE RINASCE,NEL MOMENTO DELLA SUA NASCITA NEL CIELO SI ALLINEANO INSIEME AL SOLE TRE STELLE CHIAMATE I TRE RE(DA QUESTI POI LA RELIGIONE LIA CHIAMATI I TRE REMAGI)IL SOLE NEL MOMENTO DELLA NASCITA SI POSIZIONA SOTTO UNA COSTELLA ZIONE DALLA FORMA DI CROCE,I 12 APOSTOLI NON SONO ALTRO CHE I 12 SEGNI DELLO ZODIACO,

Mirco ha detto...

Anonimo, ma smettila di leggere i giornaletti va'..

Anonimo ha detto...

Sono un buon lettore di libri e romanzi storici per lo piu' basati su studi a volte infarciti da storie non reali per rendere piu' avvincente un romanzo, la cosa però non sarebbe giusta n quanto tali romanzi vengono sritti da storici o archeologi, che quando non sanno come agirare l'ostacolo inventano. Perciò niente è oro colato e nessuna interpretazione è reale o logica. Purtroppo l'uomo è abituato a sognare e stravolgere la realtà per fare colpo. Propio queste mie letture mi hanno portato ad essere reale e cercare di capire, questo mi ha portato molte volte a mettere in dubbio tutto, perchè un buon storico o persona preparata riesce a smontare ogni teoria quando non riesce a spiegarla concretamente. Il dubbio allora si insunia nella mente ed è a volte difficile comprendere ed ecco la Fede. In poche parole se uno storico unisce realtà e fantasia, se uno scienziato spiega le cose secondo il suo pensiero e aborrisce tutto ciò che non sa spiegare rifugiandosi nel così detto ateismo, allora io posso certamente negare tutto e credere quiandi nello spirito in un Dio creatore e in suo figlio Gesù, perchè io con la mia fede ed il mio credo posso negare tutte quelle evidenze dette storiche o scientifiche. Quindi se la realtà è aleatoria ed ogni giorno è formato da attimo dopo attimo che potrebbe terminare e finire tutto nel nulla, perchè non devo credere a Dio o Gesù o Maria? Alla fine tutto è reale secondo me perchè milioni di menti pensano una cosa, tutto si realizza perchè milioni di menti credono in qualcosa. Perciò tutto esiste e nulla esiste, tutto esiste secoindo il nostro pensiero e nulla esiste secondo il nostro pensiero. Sta a noi scegliere la strada. Quindi ha ragione lo storico, lo scienziato ed io.

Anonimo ha detto...

sono un buon lettore di libri...
e del copia e incolla...
se non ci arrivi non fa nulla...
ti crediamo ...
su stai buono...
hai ragione...
contento?

Mauro P. ha detto...

Quanto proliferare di anonimi. E' così difficile darsi un nome? Ci vuole poi tanto coraggio ad ammettere le proprie idee?
E' molto facile attaccare una religione, specialmente basandosi su teorie lette su Top Girl e senza firmarsi...
Scusa Alessio, non mi riferisco al tuo articolo, che invece lanciava uno spunto interessante.

non dire cazzate ha detto...

Ogni giorno che passa qualcuno pretende di dimostrarci che Gesù non è esistito. Mi domando perchè se si è convinti di questo si debba rompere i coglioni per dimostrare ciò che non è stato? Abbiamo problemi molto più importanti, dalle morti bianche alle persone che soffrono, ai compensi miliardari di vip e nullafacenti al lavoro che diverrà sempre più prezioso, problemi di clima, incompetenti che stravolgono la realtà, non me ne fotte un cazzo di sentire per l'ennesima volta opinioni di chi la verità non la può dimostrare. Anchio è anni che chiedo spiegazioni al partito radicale sulle loro posizioni riguardo le morti bianche, risposte nessuna da nessuno. Sarà mica che i morti sul lavoro non esistano, o forse sto parlando con delle persone che nascondono una verità perchè loro di posizioni non ne hanno prese, anche se tra scioperi della fame e della sete si interessano di tutto e di più basta che siano stupidaggini. L'esempio riportato è piccola cosa. Mi chiedo e vi chiedo non sarà forse stato così al tempo di Roma per nascondere qualcosa che allora desse fastidio? Poi i morti cristiani non sono mai stati descritti dalla storia? Oppure è un'invezione della chiesa sti mertiri, erano così coglioni da farsi ammazzare per passare alla storia come prima donna?
Idolatriamo calciatori, mezze calzette, attoretti da strapazzo, quanti anni sono che non vedo più un attore degno di questo nome, abbiamo da mantenere una valanga di cantanti, presentatori, artisti. Dovè questa cultura che non vedo!
Sgozzano vecchiette per rubare la pensione, noi comuni mortali ci allocchiamo a difesa di delinquenti, carcerati, truffatori. Smettiamola di essere degli ipocriti, che che se ne dica che Dio esista oppure no siamo solo di passaggio che ci piaccia o no.

Anonimo ha detto...

da wikipedia:
La celebrazione del Sole Invitto proprio il 25 dicembre è documentata per la prima volta nel Cronografo del 354, molto dopo le prime notizie di celebrazioni del Natale in tale data[6]. Non è affatto certo che in precedenza la festa sia stata celebrata in questa data: durante il regno di Licinio (unica altra notizia disponibile) la celebrazione si svolse il 19 dicembre, data forse più prossima al solstizio astronomico nel calendario allora in vigore.[7]. La festa, inoltre, del Sole Invitto era celebrata anche in altre date

(Vinco_Vincente) ha detto...

Io sono ateo, ma ci sono diverse testimonianze storiche non-cristiane (annali di Cornelio Tacito , Plinio Il Giovane...)che provano l'esistenza di un uomo chiamato Yehoshùa in Palestina a cavallo tra il I secolo a.C e il I secolo d.C.

Ecco qua :

http://camcris.altervista.org/provestoriche.html

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.