giovedì 22 febbraio 2007

Crisi di Governo. Cosa accadrà adesso?


Beh, sapevo che prima o poi doveva accadere, tempo fa nei sondaggi che trovavo sui siti web rispondevo che il governo Prodi sarebbe durato all' incirca un anno. La maggioranza così risicata al senato e l' enormi differenze tra la sinistra radicale e l' area moderata rendevano inevitabile la caduta in tempi brevi.

Io ritengo giusto l' accaduto perché trovo scorretto che attualmente tutti i membri dell' unione debbano votare a favore di qualcosa anche se non sono daccordo, in questa votazione solo Rossi e Turigliatto hanno avuto il coraggio di non farlo e si sono dovuti beccare tutti gli attacchi della sinistra, cosa che trovo profondamente ingiusta dato che il governo meritava comunque di cadere in quanto la maggioranza era ben divisa sulla politica estera.
Trovo questo sistema veramente marcio, in quanto, qualsiasi direttiva proposta dall' alto (diossini e margheritosi principalmente), doveva essere necessariamente votata a favore per non far cadere il governo. Poi è normale che accadano cose come queste descritte da Beppe grillo in un brillante post di qualche giorno fa:

"La Tav si fa. La Base 2 di Vicenza si fa. In Libano ci siamo. A Kabul ci rimaniamo. Il conflitto di interessi non interessa. La legge elettorale sta bene com’è. Le leggi ad personam servono anche a sinistra e non si cancellano. L’indulto è servito anche a sinistra e per questo è stato votato.
Il Governo ascolta. E’ sempre in ascolto. E’ un governo buono. Fa cose che non piacciono neppure ai suoi ministri. Che non piacciono agli italiani. Ma che piacciono molto agli americani, ai banchieri, agli pseudoindustriali, agli pseudogiornalisti, alla casa circondariale della libertà.
Il Prodi Marchese del Grillo non sa cosa dire, spesso sta in silenzio, qualche volta alza la voce, ma solo con sua moglie. Il messaggio che manda alla Nazione, forte e chiaro, è sempre quello:
Mi dispiace, ma noi siamo noi e voi non siete un c...o!”.
Per essere eletto sindaco in Italia devi essere un ex sindacalista o un miliardario. Il risultato non cambia. L’arroganza di sindaci e assessori testimoniata ogni giorno in questo blog è smisurata.
La Broni-Mortara costa 900 milioni di euro, le aziende sul territorio sono contrarie, gli abitanti pure. Ma si farà. I milanesi non vogliono lo scempio della zona Fiera sepolta da tonnellate di cemento. Ma si farà. I cittadini di Serre non vogliono che una megadiscarica distrugga un’oasi faunistica. Ma si farà. La Tav in Val di Susa costerà 13MILIARDIDIEURO, non serve, lo dicono gli esperti, docenti universitari, la Valle è in rivolta. Ma si farà."


Ieri mi sono seguito appositamente tutta la diretta del Senato perché era prevedibile che il governo potesse cadere, volevo guardare tutte le vicende prima del possibile crollo dopo aver ascoltato il discorso dell' ormai ex ministro degli esteri D'Alema che il giorno prima aveva affermato le sue dimissioni qualora non si fosse raggiunta la fiducia...magari anche per dare ulteriori pressioni ai senatori libero pensanti (non mi piace chiamarli dissidenti) ed evitare la catastrofe...ma evidentemente ha sbagliato qualche calcolo.

Il potere era quindi in mano a poche, pochissime persone e la cosa non andava per nulla bene, ricordiamo cosa significa democrazia:

demos: popolo e cratos: potere, ed etimologicamente significa governo del popolo.

Mi dite in questa nazione cosa c'è di democratico se il popolo adesso non sceglie nemmeno chi mandare al potere ma un partito, le manifestazioni in piazza non vengono neanche considerate, ed i senatori eletti da noi molto indirettamente non possono votare come vogliono?

CHE SCHIFO!

7 commenti:

Anonimo ha detto...

alessio io ho votato sinistra,credo nei valori della sinistra (moderata) e sinceramente sono contenta per te che hai le idee così chiare sui due come li chiami tu "liberi pensanti",se puoi leggiti il commento di michele serra di oggi su "la repubblica",il mio pensiero si avvicina molto al suo,per il resto condivido il tuo pensiero

Anonimo ha detto...

ah! e volevo ringraziarti per l'informazione sulle uova,mi sono fiondata in cucina a vedere il numero e con orrore erano tutte con il numero 3...non accadrà MAI più...cinzia

Anonimo ha detto...

Inevitabile che il gorverno prodi cadesse,se non sanno mettersi di comune accordo tra di loro come vogliono farlo con il popolo?Noi siamo la maggioranza che non è silenziosa ma per quelli che stanno su,non siamo nulla tranne che un voto
elettorale,basta vedere la legge sull'indulto,la chiusura degli stadi,la censura di internet,le tasse superflue che si pagano sempre e obbligatoriamente.Ci stanno togliendo la libertà.Ci siamo mai chiesti quanto siamo liberi?Siamo un paese democratico?Lo stato garantisce al cittadino la tutela dei diritti e dei doveri(dicono).by Il CoNtE

Artemisia ha detto...

Alessio, sono d'accordo che prima o poi sarebbe accaduto e che il voto dei due "chiamalicometipare" non avrebbe cambiato molto. Non sono d'accordo con te sul fatto che abbiano fatto bene. Qual e' il risultato? Riconsegnare il paese a Berlusconi cosi' invece di una base a Vicenza ce ne fanno tre?
Anch'io sono delusa da questo governo ma allo stato attuale e' l'unico possibile contro questa destra con la quale si rischia una nuova Argentina.
Capisco lo sfogo di Beppe che tu citi ma mi trovo piu' d'accordo con il suo post di ieri:
"Avrei capito un Governo battuto sulla riforma elettorale per riconsegnare ai cittadini la possibilità di scegliere il candidato. O strabattuto su una legge per il conflitto di interessi. O frantumato per l’eliminazione delle leggi ad personam. Per Kabul no."
Non mollare, Alessio!

Francesco - ChaZ ha detto...

Concordo con Artemisia. E' vero che sono sorte questioni vita natural durante di questo governo, non ultima Vicenza che è una grana ereditata dal precedente governo.
La cosa fondamentale di cui ha bisogno l'Italia è un po' di stabilità, anche a costo di fare rinunce un po' per ognuno.
La ripresa è in atto, se ci fosse incertezza a livello governativo, verrebbe strozzata e comne di ce giustamente Artemisia, sembrerà di stare più in sudamerica che in europa.
Se si vuole il tempo c'è per attuare tutto il programma che era stato firmato da tutti.
Ma senza colpi di testa.

Anonimo ha detto...

Sapevo che succedeva... sapevo che questo governo non durava piu di un anno... sapevo che era composto da Ministri inutili (vedi il "magistrato" Di Pietro e il "cambia bandiera" Mastella)... sapevo che l'intera sinistra italiana è formata da rammoliti e nostalgici Hippies... hanno combinato solo danno.. indulto.. aumento tasse.. e via discorrendo..avete votato un uomo che è il pagliaccio dell'europa ed il burattino di d'alema...
Probabilmente avete veramente barato alle elezioni...
e da anni che lo dico.. l'italia è, è resterà sempre DI DESTRA!

Anonimo ha detto...

Sarà da anni che lo dici, ma saranno anni che dici solo caxxxte!Sinistra o destra è la stessa cosa,un branco di cabarettisti!!!By Il CoNtE

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.