venerdì 31 marzo 2006

Perchè essere vegetariani? Ultima parte



Altri motivi per cui molte persone diventano vegetariane o vegan
(ovvero chi elimina anche i cibi derivati dagli animali come uova o latte).

Alcuni numeri:

In 80 anni di vita ogni italiano usa come "cibo" circa 1400 animali.

In Italia, vengono uccisi ogni anno a scopo alimentare: 850 milioni di volatili, 5 milioni e mezzo di agnelli, 2 milioni e mezzo di pecore e capretti, 3 milioni e mezzo di manzi, 1 milione e mezzo di vitelli, 13 milioni di suini e 500.000 equini.
Eliminando i prodotti di origine animale dalla propria alimentazione, si riduce moltissimo il rischio di ammalarsi di una delle cosiddette "malattie del benessere" (cancro, malattie cariovascolari, diabete, obesità). Niente etica, dunque, solo desiderio di vivere meglio.
Circa il 32% dei tumori dipende dall'alimentazione, ma per certi tipi di cancro la percentuale che dipende dall'alimentazione è molto più alta: 50% per mammella e pancreas, 70% per il colon-retto, 75% per la prostata. (Fonte: Environ Health Perspect 1995) Questo avviene perchè la dieta considerata oggi "normale" si discosta molto dalle linee guida dell'Istituto Mondiale per gli studi sul Cancro, che raccomandano di prediligere diete basate su alimenti vegetali e comprendenti un'ampia varietà di verdura, frutta, legumi e carboidrati poco raffinati e, se si consuma carne rossa, di non consumarne più di 80 g al giorno (30 kg l'anno).
Una dieta a base di vegetali ha un'impronte ecologica molto più ridotta rispetto a una che contiene prodotti animali.

Alcuni dati

Spreco di acqua
Il settimanale Newsweek ha calcolato che per produrre soli 5 kg di carne bovina (consumati in meno di una settimana da una famiglia media americana) serve tanta acqua quanta ne consuma una famiglia media americana in un anno. Nell'agosto 2004 si è tenuta la consueta "Settimana Mondiale dell'Acqua", a Stoccolma, durante la quale gli esperti hanno spiegato che le riserve d'acqua non saranno sufficienti a far vivere i nostri discendenti con la stessa dieta oggi imperante in Occidentee hanno affermato che sarà necessario ridurre il consumo di alimenti di origine animale.

Spreco di energia
Le calorie di combustibile fossile spese per produrre 1 caloria di proteine dalla soia sono pari a 2; per grano, servono 3 calorie, per il latte 36, per il manzo 78.

Inquinamento da deiezioni
Le deiezioni provenienti dagli allevamenti intensivi USA inquinano l'acqua più di tutte le altre fonti industriali raggruppate.

Abbattimento delle foreste
Solo il 19% delle foreste tropicali vengono abbattute per ricavare legname. La quasi totalità viene abbattuta per far posto a pascoli per bovini. Dopo 5-6 anni si desertifica, e ne viene abbattutta un'altra porzione. In Costa Rica, durante gli anni '60 e '70 è stato abbattuto il 90% della foresta pluviale per rifornire gli USA di carne per hamburger; nella foresta amazzonica l'88% del territorio disboscato è stato adibito a pascolo; nel 2003 c'è stata una crescita del 40% della deforestazione nella foresta amazzonica brasiliana rispetto all'anno precedente, in gran parte per far posto a nuovi pascoli.

Altri dati

Il Brasile conta 16 milioni di persone malnutrite. Ed esporta 16 milioni di tonnellate di soia per mangimi animali - 1000 kg di soia l'anno per ogni individuo malnutrito!
In Messico, milioni di persone soffrono di denutrizione cronica. Nel 1960, il bestiame consumava 5% dei cereali prodotti. Nel 2003, il 45%. Allo stesso modo, per l'Egitto si è passati dal 3% a 31%, per la Cina dall'8% al 28%.
Per produrre 1 kg di carne bovina devono essere usati come mangimi circa 15 kg di vegetali (cerelai, proteaginose). Perchè? Perchè la maggior parte del cibo ingerito viene speso in forma di energia, per far vivere l'animale, non va a formare i suoi tessuti.
L'economista Frances Moore Lappè, ha calcolato che in un anno, nei soli Stati Uniti, sono stati prodotte 145 milioni di tonnellate di cereali e soia. Per conto, sono stati ricavati 21 miloni di tonnellate di carne, latte, uova. Facendo la differenza, si ottengono 124 milioni di tonnellate di cibo sprecato: questo cibo, avrebbe assicurato un pasto completo al giorno a tutti gli abitanti della Terra! Con il solo spreco degli USA!

Con questa "bella" frase evidenzata in rosso concludo la mia analisi sui perchè dell' essere vegetariani. Come vedete i motivi sono tanti e molto validi, sicuramente anch'io ci farò un pensierino.

4 commenti:

Free925 ha detto...

ma da quando in qua sei diventato vegetariano? O.O

Alessio ha detto...

Ancora non lo sono infatti

Ioannes ha detto...

Ma io mi chideo sempre:
perché noi vegetariani dobbiamo giustificare sempre il fatto di praticare una cosa naturale come il non mangiare cadaveri di aniamli ammazzati brutalmente?

In verità ci sono milioni di ragioni per essere vegetariani e uno solo per non esserlo:

l'egoismo sfrenato.

Sono i carnivori che dovrebbero spiegare il perché continuano a mangiare carne dal momento che questa é superflua.

noldotar ha detto...

Mi chiedo perché in un primo momento si voglia convincere a diventare vegetariani per pietà verso gli animali e poi non si voglia dare da bere alle vacche perché considerato come spreco. Mmh... mi manca di coerenza.
Per quanto riguarda l'argomento invece dico che quello che placa la maggior parte dei vegetariani a mangiare carne è proprio la pietà verso gli altri animali. Ritengo però assurdo questo ragionamento quando non lo si applica alle piante, anch'esse esseri viventi. Non sentiranno il dolore come lo sentiamo noi, ma sicuramente il mangiare "erba" significa decretare comunque morte ad un altro essere vivente, solo che non proviamo empatia perché non è un animale terrestre come noi. Per fare un esempio l'empatia verso i pesci è già minore rispetto a quella per i mammiferi da parte nostra.
Allora mi sorge il dubbio se sia necessario farsi delle seghe mentali di questo livello quando la vità è messa in moto da un continuo "rubare energie" ad altri esseri viventi.
Non si tratta di egoismo, ma di cose naturali. Secondo il ragionamento di ioannes allora i leoni dovrebbero essere gli animali più bastardi e schifosi della terra... perché devono sopravvivere, mentre le gazzelle sono degli animali docili e fantastici perché possono ammazzare esseri viventi in quanto non sono molto simili a loro.

Riguardo all'argomento "spreco", invece, l'autore mi trova ASSOLUTISSIMAMENTE d'accordo.

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.