mercoledì 6 settembre 2006

Jungla di città, Celentano e Bingo Bongo



Oggi voglio fare un omaggio al grande Adriano Celentano. E' uno spezzone del film Bingo Bongo (1982).
La canzone si chiama Jungla di Città.

Jungla di città, fatta di cemento
sotto questo sole spento
notte da combattimento
dove senza ossigeno si sta
chi respira come fa
e chi lo sa jungla di città
e chi lo sa jungla di città

Jungla di citta dove il Cristo in croce è rimasto
senza voce c'e l'industria che produce troppo
cancro per la civiltà
e chi fuma già ce l'ha
e lo sa jungla di città
e lo sa jungla di città

C'e un orango c'e un orango
Bingo Bongo Bingo Bongo nella città
ma la jungla ,ma la jungla a me mi sembra che sia questa qua
la vedo brutta per l'umanità

Siamo troppi sulla terra
come tappi della birra è una follia
ma se scoppia l'altra guerra saremo tombe nell'alta marea
perche le bombe non cambiano idea

Jungla di città non si fa l'amore
ma si vende come il sale ogni droga nelle scuole
dove sembra morta la pietà
e la personalità e chi ce l'ha in questa jungla qua
in questa jungla di città

Senza ossigeno si sta Senza ossigeno si sta chi respira come fa
e chi lo sa jungla di città
e chi lo sa jungla di città

C'e un orango c'e un orango
Bingo Bongo Bingo Bongo nella citta
ma la jungla ma la jungla a me mi sembra che sia questa qua
la vedo brutta per l'umanità

Siamo troppi sulla terra
come tappi della birra e una follia
ma se scoppia l'altra guerra saremo tombe nell'alta marea
perche le bombe non cambiano idea.

C'e un orango c'e un orango
Bingo Bongo Bingo Bongo nella città
ma la jungla ma la jungla a me mi sembra che sia questa qua
la vedo brutta per l'umanità

Siamo troppi sulla terra
come tappi della birra e una follia
ma se scoppia l'altra guerra saremo tombe nell'alta marea
perche le bombe non cambiano idea.

3 commenti:

Helvete ha detto...

Meno male che Adriano Celentano è ricrdato per bn are canzoni un poò più belle!
E' orrenda! meglio "c'era un ragazzo della via Gluck"

Anonimo ha detto...

Non sono d' accordo, la canzone è un grido di allarme sull' inquinamento globale, anche se nel 1982 ancora non si parlava di questo fenomeno.....
E poi il molleggiato è sempre il molleggiato!!
A distanza di tanti anni il ritmo di questa canzone è senz'altro più ballabile ed piacevolmente orecchiabile e completo di tante altre canzoni di oggi.

Anonimo ha detto...

non e'vero...il testo e'bellissimo xche ci fa' capire che il vero animale e' l'uomo che si sta' autodistruggendo

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.