sabato 11 agosto 2007

Il Blog di Clemente Mastella su blogspot



Devo dire che questa proprio non me l'aspettavo, sono venuto a conoscenza che Clemente Mastella ha aperto un blog utilizzando la piattaforma di Google Blogspot, proprio come il mio insomma.
Potrebbe sembrare un fake ma vi assicuro che è proprio lui a postare in quanto il blog è ben linkato nel sito dell' Udeur.
Neanche il tempo ed il Ministro di Giustizia è stato subito criticato per l'eccessiva censura dei commenti nei suoi post (ogni commento è moderato e viene visualizzato solo dopo l'approvazione del ministro o dei suoi collaboratori qualora ci fossero).
Anch'io gli ho lasciato un commento due giorni fa dove mi complimentavo con il Ministro per la sua messa in gioco su internet criticando comunque il suo operato fino ad adesso, ancora non è stato pubblicato...forse il ministro è in vacanza e non può approvare i commenti...almeno spero sia questo il motivo.

Terrorpilots ha anche scritto alcune regole da rispettare sul suo blog affinchè Mastella pubblichi i commenti.

Non condividendo la moderazione dei commenti e la politica fino adesso adottata da Mastella ho linkato il suo blog utilizzando il comando rel="nofollow" per far si che essi non acqusti ulteriore visibilità nei motori di ricerca.

L'indirizzo del blog è il seguente: http://clementemastella.blogspot.com

Da un' intervista a Luca Conti ho anche saputo anche che Silvio Berlusconi si sta muovendo per aprirne uno.

In ogni caso trovo positivo che i politici aprano un blog a prescindere dal fatto che condivida o meno le loro idee, certo che non è positivo il fatto che i commenti siano moderati, ma perlomeno sappiamo che il messaggio è arrivato e magari in questo modo possiamo influenzare un po il loro comportamento al parlamento e far si che si comportino un po più correttamente nei nostri confronti ripettando le nostre volontà e non le loro (vedi indulto).

10 commenti:

Nemo ha detto...

Da quel bigotto di Mastella non ci si poteva aspettare altrimenti. Che senso ha aprire un blog e poi filtrare i commenti "scomodi"? Tanto vale disabilitarli i commenti o meglio ancora non aprirlo il blog, tanto meno si sente aprir bocca Mastella e più si sta meglio.

Immagino che se gli vado a scrivere che è ridicolo che sia ministro della giustizia, visto che ha amici mafiosi, il mio commento non uscirà mai...

Nemo ha detto...

Ho appena lasciato un commento al blog di Mastella. Se mi viene approvato, la prossima volta ci vado più pesante. Appena mi censura, lo pubblico sul mio blog e lo faccio girare.

Il commento (al post sull'indulto)
=====================
L'umiltà è una grande qualità. Purtroppo nessun politico la possiede.

Sarebbe più facile ammettere di aver commesso un errore madornale e costernarsi pubblicamente, come tutti i personaggi pubblici di spicco fanno in un paese democratico serio (vedi Zapatero che ammette di aver sottovaluatato la questione ETA in spagna).

E invece no, sempre a far giri di parole per cercare di abbindolare i cittadini.

L'errore è talmente palese che una dimostrazione matematica della sua ragione mi farebbe rinnegare il mio mondo (quello scientifico).

Il fatto è, e si sa, che non si tratta né di un errore né di una cosa giusta. Si tratta di un atto che fa parte di quella classe di leggi che viene votata alla quasi unanimità da ambedue le parti politiche (maggioranza e opposizione). In questa classe di leggi rientrano i soli provvedimenti che portano vantaggi ai signori (e i lori amici) seduti sulle poltrone romane. Mentre chissà perché, quelle per noi poveri disgraziati, sono sempre oggetto di scontri e conflitti da manifestazione di piazza tra voi parlamentari, che litigate peggio dei bambini delle scuole elementari. E noi qui, seduti davanti al piccolo schermo, a vedere i vostri capricci.

Tornando all'indulto, fortunatamente la mia cara matematica mi dà ragione. Perciò, basta chiacchiere populistiche sull'indulto.

Voce Libera ha detto...

Speriamo che questo sia un sincero modo per avvicinarsi un po' di piu' alla gente anche in periodo non elettorale.
Comunque, dando per scontato che il blog sia davvero di Mastella(anche se non me lo vedo a scrivere post dietro il monitor di un pc..) io penso che sia il solito scorretto modo per inviare un "messaggio" alla popolazione rassicurandola che la politica e il governo danno voce ai cittadini. E, nel frattempo, filtrano i commenti( e penso che quelli pesanti si sprecherebbero)e ci bastonano alle spalle con tasse e persecuzioni al grido di:"Italiani Popolo di Evasori"

http://storieitaliane.blogspot.com/

Marina ha detto...

oh mio dio!!!
ho il layout uguale al suo!!
devo cambiarlo assolutamente!
bello il tuo blog! grande!

Nemo ha detto...

@voce libera: che l'Italia è un popolo di evasori è la sacrosanta verità. Quello che è sbagliato è dirlo e non fare niente di radicale per colpire gli evasori. Quest'anno c'è stato del gettito fiscale in più...ma è niente rispetto a ciò che viene evaso. Il problema è che l'evasione in gran parte è fatta dai pezzi grossi, quelli cioè agganciati con la politica...

Che poi sti quattro ladri, io mi vergognerei a fare la fine di Valentino Rossi & co. Con tutti i denari che ho, non pago le tasse. Che figura di merda. E questi sarebbero gli idoli di oggi...faccio bene io che li schifo tutti...

thelondoner ha detto...

Beh penso che almeno un filtraggio dei commenti contenenti volgarità debba essere fatto, altrimenti non si conterebbero più i commenti pieni di spam, link a siti pornografici ed insulti privi di qualsivoglia costruttività. Ovviamente dev'essere un sistema automatico, in modo che non ci sia qualcuno che filtra anche i commenti corretti ma scomodi.

Clemente Mastella biografia ha detto...

Un ministro di Indulto e Giusitiza che ha fatto il testimone di nozze al braccio destro di Provenzano insieme a Cuffaro poteva fare di meglio, con tutte quelle belle risorse...

Alberto ha detto...

Ma non avevi visto quello che Mastella diceva sul blog dell'inferno

PM8 ha detto...

Meglio un giorno da Prodi che cento da Mastella

Anonimo ha detto...

Era meglio quando stava il re. Almeno era uno solo a comandare. Oggi comandano i migliaia e che lottano per avere la fetta di torta più grande...

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.