lunedì 12 marzo 2007

Italia.it = Merda, il Googlebombing


Tre giorni fa e l' altro ieri ho parlato spesso del nuovo portale italiano da 45 milioni di euro. Oggi scopro una cosa veramente pazzesca, siccome moltissime persone ne hanno parlato male cercando su Google la parola "merda" italia.it spunta al primo posto (escludendo le pagine di wikipedia)!

Tempo fa uno scandalo simile era avvenuto quando scrivendo "miserabile fallimento" spuntava il curriculum di Silvio Berlusconi nelle prime posizioni.

Google, all' epoca aveva detto che si sarebbe adoperata per evitare che simili episodi accadessero nuovamente ma tutto il lavoro fatto non è bastato per evitare che italia.it fosse associata al termine merda.

Molto probabilmente tra alcune ore o giorni il portale italiano non spunterà più in "prima posizione" digitando quella parola.

Per tenere d'occhio la situazione basta cliccare qua.

Questo fenomeno avviene per via del Googlebombing, ecco cosa riporta wikipedia al riguardo:

Il googlebombing (ovvero «bombardare Google») è la tecnica usata per sfruttare una caratteristica dell'algoritmo PageRank usato dal motore di ricerca Google in base alla quale viene attribuita importanza ad una pagina in rapporto a quanti link verso essa si trovano all'interno di altri siti web; in sostanza, più persone parlano di una data pagina attraverso l'inserimento di un suo link entro altri siti, più importante diventa la pagina stessa.

Le motivazioni principali che spingono gli autori delle «bombe» sono il divertimento, la brama di notorietà, tuttavia non mancano quelle spinte da ragioni politiche o «giustizialiste»: in quest'ultimo caso le bombe fanno in modo di «recapitare un messaggio», diventando una sorta di arma in mano al popolo della rete per far ascoltare il proprio messaggio.

Il 6 dicembre 2005 (ovvero in prossimità del Natale) è stata lanciata la proposta di una nuova «bomba Google», questa volta per scopi sociali. Si è voluto collegare la parola regali al sito web dell'UNICEF.

L'iniziativa è partita dal forum di html.it, ma moltissimi altri siti hanno aderito con grande entusiasmo, manifestando solidarietà per il primo Googlebombing sociale in Italia (e, forse, nel mondo).

2 commenti:

Alfio ha detto...

Hai provato a mattere sostare su google?
Guarda un pò che ti spunta..aggiungilo all'articolo...

Alessio ha detto...

Aahahah forte! Vabbè inutile aggiungerlo, leggeranno il commento.
Per chi non lo sapesse sostare è l'azienda che si occupa dei parcheggi a Catania.

Usate la bici e rottamate l'auto così fregate tutti i parcheggiatori

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.