venerdì 27 febbraio 2009

Caparezza, Bonobo Power: La scimmia è l'evoluzione dell'uomo



Grazie alla canzone di Caparezza Bonobo Power tratta dal recente album le dimensioni del mio caos ho scoperto lo straordinario comportamento delle scimmie Bonobo, tra le tante cose positive, esse sono molto pacifiche e non fanno discriminazioni sessuali.

In alto potete ascoltare il bellissimo pezzo mentre qui sotto il testo ed ulteriori informazioni:

Vive in comunità estremamente pacifiche in cui maschi e femmine hanno pari diritti e dignità non sa cosa sia la competizione e condivide le risorse con tutti in maniera equa non conosce la guerra l'assassinio e la violenza, insomma stando a come si comporta il Bonobo: la scimmia è l'evoluzione dell'uomo.

Per il bonobo il sesso è alla base dei rapporti sociali, si accoppia sia con etero che con omosessuali davanti a cibo i bonobo prima fanno un orgia e dopo mangiano senza mai litigare il bonobo non è aggressivo è sessualmente appagato, non discrimina il diverso non va al family day...la scimmia è l'evoluzione dell'uomo.

RITORNELLO:
Bonobo Power evolvin society we improve the community and human eat the banana
bonobo power abscence of authority no more cruelty we just play and come with love and human sucks.

Durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale i bonobo dello zoo di Hellabrunn morirono di spavento alle altre scimmie non accadde nulla, il bonobo è stato cacciato, sterminato, censurato il bonobo è una pericolosa alternativa sociale dimostra che in natura esiste l'omosessualità e che l'uomo è aggressivo perchè sessualmente represso e soprattutto che l'unico vero modo per vivere in pace è giocare mangiare ed accoppiarsi alla faccia di religiosi, intellettuali e politici ben pensanti.


RITORNELLO:
Bonobo Power evolvin society we improve the community and human eat the banana
bonobo power abscence of authority no more cruelty we just play and come with love and human sucks.


Approfondendo il discorso su queste scimmie il cui nome scientifico è Pan Paniscus, ho letto delle cose veramente interessanti che vorrei condividere con voi:

Sulla sponda destra del fiume Congo, diffusi in una vasta area che va dalla Guinea fino alla Tanzania, vivono gli scimpanzé comuni; sulla sinistra, confinati in un'area limitata della foresta del Congo, ex-Zaire, gli scimpanzé alternativi: ovvero, i bonobo.

Entrambe le specie sono molto vicine all'uomo: da un punto di vista genetico, è molto difficile dire quale delle due si avvicini di piú alla nostra. Ma se tra gli scimpanzé, di fatto, si osservano tutti i difetti e le esasperazioni della natura umana, i bonobo sembrano invece adatti, come simbolo, a indicarci una possibilità diversa.

Gli scimpanzé comuni conoscono infatti la sopraffazione, l'arroganza e l'assassinio: benché si tratti di creature sostanzialmente intelligenti e sensibili, capaci di sentimenti e commozione, nella loro società le vessazioni e le violenze sono comuni, più o meno quanto tra gli esseri umani. Gli scimpanzé ben conoscono la prepotenza dei maschi sulle femmine, quella degli individui dominanti su quelli di rango inferiore, o le autentiche battaglie etniche e territoriali tra gruppi diversi; devono fare i conti, qualche volta, anche con l'infanticidio, la tortura e la guerra. Non si vuol dire, con questo, che tutti gli scimpanzé siano violenti; ma senza dubbio è un fatto che per loro, come per noi, questi istinti non siano estranei.

I bonobo hanno scelto un'altra via. La loro comunità è infatti libera, allegra, e del tutto pacifica. Mai è stato osservato un bonobo uccidere un suo simile. Mai è stato visto un adulto comportarsi in modo aggressivo con un piccolo, che fosse o no un suo familiare stretto. Nessun maschio compete ferocemente con gli altri per il possesso di una femmina; del resto, nessuna femmina accetterebbe di porsi come passivo premio in palio per il vincitore. E soprattutto, i bonobo hanno collaudato una tecnica efficacissima per risolvere conflitti e tensioni: riderci sopra facendo l'amore.

Il bonobo è forse l'unico animale, oltre all'uomo, a fare sesso ogni volta che lo desidera, indipendentemente dall'istinto riproduttivo e dalla fertilità della femmina. Ma per questi nostri disinvolti cugini il sesso non è una componente specifica dell'esistenza, separata dal resto: esso permea qualunque aspetto della loro vita, assumendo un ruolo di primo piano in ogni forma di rapporto sociale.

I bonobo fanno sesso per capirsi, per consolarsi, per far pace dopo un litigio, per rilassarsi dopo un'impresa faticosa; fanno sesso anche senza arrivare ai rapporti completi, inventandosi una gamma incredibilmente fantasiosa di giochi erotici e carezze audaci; lo fanno sia eterosessuale sia omosessuale, in coppia, da soli o in gruppo; lo fanno per incoraggiamento, per amicizia, o per gioco. I maschi stemperano con gesti e contatti erotici la tentazione di aggredirsi e di competere tra loro; le femmine cementano con abbracci e strofinamenti molto espliciti i loro forti legami di sorellanza morale, che sono alla base dell'equilibrio del gruppo.

Tra i bonobo, nessun maschio è sicuro di quali siano i figli propri; nessun maschio, quindi, aggredisce o molesta i piccoli, e tutti sono disposti ad aiutare e a difendere qualunque cucciolo del gruppo. Maschi e femmine si muovono insieme, in assoluta parità, formando piccoli gruppi per andarsene in cerca di cibo durante il giorno; poi si riuniscono per passare la notte tutti vicini, su rifugi costruiti sugli alberi, in una grande comunità che può contare anche più di cento individui. Se due gruppi diversi si incontrano e puntano allo stesso albero da frutta, invece di combattersi si accolgono e fanno amicizia attraverso contatti sessuali, e poi si spartiscono il cibo in pace. Non si vuol dire che i bonobo non litighino mai: ma lo slancio fortissimo verso la collaborazione e la condivisione delle risorse riesce sempre a smorzare ogni scontro, e a evitare che gli screzi degenerino in modo cruento.

Fare l'amore, non la guerra, quindi: vista la straordinaria capacità dei bonobo di mantenersi pacifici e rilassati, sembra che il consiglio funzioni!

Maschi e femmine sono quasi uguali nelle dimensioni e nella forza fisica; gruppi di individui dello stesso sesso - le femmine molto più dei maschi - stabiliscono forti legami di alleanza e collaborazione tra loro, ma questo non sfocia mai nella contrapposizione o nell'astio tra i due sessi. Al contrario, i fortissimi legami tra madri e figli, che si mantengono per tutta la vita, anche quando il figlio è adulto, influenzano i rapporti tra maschi e femmine più di ogni altro fattore: è la gerarchia che si stabilisce tra le femmine a guidare quella dei maschi, e sono i figli delle madri più autorevoli a guadagnarsi ruoli di rispetto tra i loro compagni.

Agli occhi umani, la cooperazione e l'affetto tra maschi appariranno naturali, perché di norma i maschi del gruppo sono tutti consanguinei stretti; ma i legami ancora più forti che si stabiliscono tra le femmine possono invece stupirci, dato che le femmine adulte di una stessa comunità non sono quasi mai imparentate tra loro. Solitamente, infatti, per evitare eccessivi incroci tra consanguinei, le giovani femmine che si avvicinano all'età fertile migrano verso altri gruppi; là ricominciano da capo ad allacciare rapporti sociali, prima con le femmine più anziane e poi con i maschi, sempre usando il sesso e la cooperazione come linguaggi privilegiati. Soltanto dopo qualche anno, e soprattutto dopo aver messo al mondo il primo figlio, saranno integrate appieno nella nuova comunità; se le alleanze tra maschi sono, in qualche modo, innate, possiamo dire che quelle femminili sono ricercate e costruite apposta, con pazienza, con forza e con decisione.

I bonobo smentiscono clamorosamente l'idea che guerra, sopraffazione e legge del più forte siano iscritte indelebilmente nella "nostra natura". Se le due specie a noi più simili, apparentemente quasi uguali tra loro, hanno comportamenti così diversi, vuol dire che il ventaglio delle possibilità è molto ampio, e che da ogni esempio può valere la pena di imparare qualcosa!


Beh che dire, grande Caparezza, straordinari i Bonobo e FATE L'AMORE E NON FATE LA GUERRA! Ripeterò sempre che l'uomo ha tantissimo da imparare dagli animali e non deve neanche sentirsi superiore a loro.

Qui sotto un video molto interessante sui rapporti sessuali dei Bonobo:

11 commenti:

Anonimo ha detto...

interessantissimo. non amo molto caparezza ma questa davvero mi ha molto stupito!
sara impiegata www.impiegato.blogspot.com

il parlatore ha detto...

Sei fortissimo,complimenti per il tuo blog e per i temi trattati...Ciao

alexilgrande ha detto...

E' una canzone curiosa, ma non è fra le mie preferite di Caparezza.

Alessio ha detto...

Grazie il parlatore, spero tornerai a visitare i miei nuovi post, benvenuto!

Ottantotto ha detto...

Alessio ciao! Vorrei parlarti, appena puoi, perfavore, contattami su msn, non ti vedo online da un mare di tempo!

luly ha detto...

A me Caparezza piace, per i suoi testi, soprattutto.
Lo ricordo ad un incontro dei Girotondi, a Napoli, la mia città. Ero incinta della mia prima bambina e quando Caparezza cantava "Sono fuori dal tunnel" lei si muoveva e ballava con noi!:)
Bravo, Alessio.

LuCa ha detto...

bellissimo post, e grandissimo Caparezza..ho tutti i suoi cd..dice cose verissime! idolo!

ps: avremmo molto da imparare dal bonobo..lui di sicuro non si fa problemi di non commettere atti 'impuri'!

Biagio ha detto...

Ho appena ascoltato la Canzone di Caparezza e mi è venuta subito voglia di informarmi su queste scimmie. Il tuo blog è esauriente!!!
Credo che a breve farò anche io un post sull'argomento!!!

Anonimo ha detto...

A quanto mi consta le scimmie bonobo si prostituiscono.. del tipo che una scimmia subordinata concede prestazioni sessuali all’individuo diciamo piu’ aggressivo per “calmarlo”… non mi sembra il massimo della vita sociale! Oo

Detto questo, sento spesso dire che siccome l’omosessualità si pratica tra le bestie, allora è Naturale, e quindi è giusto accettarla.

Spero che siano davvero in pochi a ragionare in questo modo, tanto piu’ che, non tutti lo sanno, ma gli Elefanti Marini (una specie di grossissime foche) praticano la pedofilia..

Save ha detto...

Trovo molto interessante la parte intollerante dell'anonimo qui sopra...per dirla alla Caparezza. Eh certo l'omosessualità è proprio la stessa cosa della pedofilia. Ma del resto c'è chi discende dalla scimmia, chi dal bonobo :D
Peace

Nath ha detto...

Ciao. ti ho linkato sul mio blog. ovviamente al piede dell'articolo dico che è opera tua.
mi occupo di stereotipi sul genere e credo che il tuo articolo sia eccellente

http://progettogenderqueer.wordpress.com/2011/08/09/caparezza-e-il-pansessualismo-dei-bonobo/

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.