giovedì 23 ottobre 2008

Gli emo e la censura forzata sul web



Vinci ricariche telefoniche senza alcun costo!

Qualche mesetto fa ho parlato della strana moda degli Emo che si sta diffondendo anche per l'esistenza di gruppi come i Tokio Hotel.


Oggi mi sono imbattuto in un articolo di XL dove parla proprio degli Emo in maniera molto approfondita.



La cosa veramente curiosa che ho trovato è stata questa incredibile notizia:

Il 7 maggio, l’onorevole Antonio De Poli dell’UdC presenta un’interrogazione parlamentare per bandire gli emo, in cui si parla di «una sorta di tribù che online esalta l’autolesionismo», citando però come fonte la poco meno che attendibile Nonciclopedia, parodia grottesca di Wikipedia.

Dopo alcune ricerche ho trovato l'interrogazione che riporto in tutto il suo "splendore":

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-00086
presentata da
ANTONIO DE POLI
mercoledì 7 maggio 2008 nella seduta n.003

DE POLI. -
Al Ministro dell'interno, al Ministro delle comunicazioni.
- Per sapere - premesso che:

l'associazione Pronto Bambino in data odierna presenterà una denuncia alla Procura di Padova riguardante un fenomeno proveniente dalla pericolosa moda lanciata tra gli adolescenti dagli «Emo» una sorta di tribù che on-line esalta l'autolesionismo;

infatti sul sito internet http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Emo si possono vedere immagini raccapriccianti: ragazzini che si tagliano le vene, altri che si fanno immortalare a bordo strada «in attesa che un pullman li investa», un dito tagliato di netto con una lama, un ragazzo che si spara in bocca. Tali comportamenti vengono mostrati come normalissimi nella quotidianità di un adolescente Emo;

numerose sono state le segnalazioni di genitori spaventati dai comportamenti dei figli che con lamette a volte si tagliano il braccio a volte la gamba dichiarando che provano piacere;

il disagio degli adolescenti è evidente e causato senza dubbio dalla mancanza di riferimenti solidi che spesso li porta verso codici culturali in cui possano trovare un'identificazione;

ma la cultura «Emo» che trae ispirazione dalla musica Hardcore punk indica qualcosa di più sfuggente di condivisione musicale, abbigliamento e convergenze virtuali. Sul sito in questione è ben chiaro come il suicidio venga considerato un rito iniziatico per questa cosiddetta tribù;

a questo disagio sociale lo Stato non può rimanere indifferente e permettere che su internet, ad oggi il mezzo di comunicazione più usato dagli adolescenti, sia possibile accedere a contenuti così distruttivi e diseducativi. È necessaria una condanna chiara ed un intervento immediato -:

se il predetto sito sia già all'attenzione della Polizia postale e delle comunicazioni e, in caso affermativo, se la stessa lo abbia già segnalato all'autorità giudiziaria o se intenda farlo, anche in vista di un auspicabile sollecito oscuramento;

se non si intenda intensificare il monitoraggio di internet considerando i siti recanti contenuti autolesionistici alla stessa stregua di quelli recanti contenuti violenti o illeciti, a tal fine anche potenziando le risorse e le strutture della Polizia postale e delle comunicazioni;

se non si ritenga di fornire indirizzi affinché il «Codice di autoregolamentazione media e minori» tenga adeguatamente conto dei contenuti che possono suscitare l'emulazione di atti autolesionistici;

se non si ritenga di promuovere adeguate campagne informative e formative per educare i minori e le loro famiglie ad un utilizzo consapevole e sicuro della rete.



Quindi in sostanza De Poli vorrebbe "eliminare" gli emo censurando atti autolesionistici dal web. E alla TV chi ci pensa? A tutti quei film con sparatorie e sangue, telegiornali dove si raccontano sempre di violenze, suicidi ecc.ecc, censuriamo anche quelli a questo punto no? censuriamo anche le foto dei ragazzi con i capelli strani (vedi video in alto) o le scritte di colore rosso visto che richiamano il colore del sangue quindi autolesionismo! .... De Poli vai a zappare che almeno fai qualcosa di utile!

Comunque il punto è che troppo spesso e con facilità si parli spesso di censurare il web, pian piano stanno oscurando sempre più siti, sono partiti con la pedofilia, poi sono passati ai siti dei giochi d'azzardo ed ultimamente ai siti che vendono sigarette....continuando di questo passo chissà cosa finiranno per oscurare.

Vi lascio a quest'articolo di Punto informatico che approfondisce proprio questa importantissima tematica e concludo in bellezza con la pagina su nonciclopedia di De Poli.

Vinci ricariche telefoniche senza alcun costo!

15 commenti:

Pinguino ha detto...

Ho dato un occhio al link, certo le immagini sono dure, quello che succede non è giustificabile, come non è giustificabile la censura.
Censurare non è un modo per risolvere il problema, serve solo a nascondere cosa succede, dato che ormai tutti tendono a nascondere tutto.. Facile no?

LuCa ha detto...

be che dire..qualcuno dovrebbe dire a De Poli che nonciclopedia è una cazzata!! allora bandiamo anche i metallari perchè su nonciclopedia ci fanno la parodia?! (divertentissima secondo me XD) madonna sta gente che crede di sapere tutto sul disagio giovanile..senza sapere che gli EMO VERI non sono certo quelli che ascoltano i dari o i tokio hotel..non credi anche te?

ps: non sono emo, preferisco definirmi un rocker..XD (descritto anche su nonciclop) e infatti a marzo vado al concerto degli ac/dc!! eeeeeh!!

ciao stammi bene

Gianluca Pistore ha detto...

"sono partiti con la pedofilia, poi sono passati ai siti dei giochi d'azzardo ed ultimamente ai siti che vendono sigarette...."

Beh? conocordi con i siti sulla pedofilia...?

far vedere quelle cose fa più di schifo!

Alessio ha detto...

Certo che non concordo, era un discorso generale per spiegare le varie tappe dell'oscuramento che pian piano si sta espandendo sempre verso più siti ed in in futuro potrebbe anche toccare i nostri blog di questo passo...

Blogger ha detto...

Anche io uso le pinze quando si parla di censura.
La Body Art è un precedente EMO, mi chiedo, ad esempio?

Blogger
ITALY ITALIA

Gianluca Pistore ha detto...

Beh Alessio, non vedo un nesso logico tra l'oscurare un sito di pedofilia e un blog, anche se in effetti c'è il rischio che inizino ad oscurare i blog.
Comunque quelle immagini sono schifose, le trovo veramente assurde, queste persone devono avere dei gravi disagi! Non trovi?

Ale ha detto...

che buffone! premetto che gli emo hanno il mio più totale disprezzo, ma sta cosa è proprio allucinante.
hai proprio ragione alessia, si sta andando verso un oscuramento pressochè totale.

@pistore: quelle immagini sono schifose, ti riferisci alle immagini della voce su nonciclopedia? se è così sono tutti fotomontaggi. e poi concordo con luca, gli emo veri sono tutt'altra cosa..

SaRA ha detto...

anch'io ho letto l'articolo su XL (che rivista stupenda!). parlavano anche di vere e proprie caccie agli emo...intolleranza allo stato puro...

eikei ha detto...

salve sono una ragazza emo...mi fa sempre un pò arrabbiare leggere cose offensive sugli emo solo perkè non appartengono al mondo "normale".io penso ke ognuno è libero di esprimere liberamente ciò o ki si sente di essere...insomma gli atti dispregiativi contro gli emo sono una vera e propria forma di razzismo.

Eghen ha detto...

"perkè non appartengono al mondo "normale""

scusa se te lo faccio notare ma voi emo siete esseri umani, non aleni, quindi per forza di cose appartenete al mondo normale

il fatto che alcuni non vi sopportano è semplice, non per invidia come molti emo pensano, ben si perchè vi comportate da ipocriti ed egoisti, spiego meglio con dei semplici punti:

1)odiate il mondo ma fate di tutto per farvi notare
2)dite "non seguiamo la moda" ma vestite allo stesso modo, ascoltate la stessa musica, avete lo stesso comportamento e soprattutto scrivete nello stesso modo
3)pensate che siete gli unici a soffrire ma non pensate a quello che sentono gli altri (esempio palase dell'odio che viene riversato sui genitori)
4)accusate gli altri di essere razzisti quando voi snobbate i "normali" e vi sentite diversi e superiori, che per la cronaca non lo siete affatto
5) ma specialmente non ammettete di essere come descritto nei punti precedenti

in poche parole:vi sentite vittime quando dentro siete uguali ai colpevoli

oh santo jimi, ma aprire quel buco nero chiamato testa e accettare il mondo e voi stessi per quel che si è? troppo banale?
no, perchè non è conforme alla vostra moda, dico bene?

TeaBoy ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
TeaBoy ha detto...

io sono un emo e ritengo di appartenere al mondo 'normale'. ed è preopri per questo che mi ferisce il fatto che ogni giorno perfetti sconosciuti si sentano in diritto di urlarmi dietro 'frocio', 'ammazzatelo' o 'emo di merda'. e mi spiace eghan ma
1) non odio il mondo
2)mi vesto semplicemente come mi piace, e se la cosa coincide con il gusto di altri non ci posso fare niente
3)metto sempre in primo piano i sentimenti degli altri e poi i miei (esempio 'palase' i miei genitori che emo non sanno neanche che vuol dire, che ogni giorno mi vedono entrare sorridente dalla porta e a cui non dò problemi di sorta)

eghen la prossima volta morditi la lingua (ops,il dito) e eikei, tu informati meglio che mi sa che neanche tu sai bene che vuol dire emo...

EmO BoY ha detto...

allora io sn 1 emo e nn è giusto che voi "truzzi" ci discriminate xk abbiamo la vostra stessa carne siamo solo differenti da voi che siete tt uguali.....voi fate tanti i "galli" xk credete che 1 dive da voi sia "schifo" ma a me piacerebbe vede alme x 1 giorno il mondo mpopolato dagli emo cn pochi truzzi e se vi discriminiamo alme capite che nn è bello e maga la smettete!!!!! by emoboy..........love

Anonimo ha detto...

CIAO SN UNA EMO GIRL....PENSO K NN SIA GIUSTO DISCRIMINARE GLI EMO...NN FACCIAMO DEL MALE A NEXUNO...CMQ é STUPENDA LA CANZONE DEL VIDEO...DOVE LA POXO TROVARE???CIAO!LOVE!!

Anonimo ha detto...

Ce ne fossero tanti di emo! Ogni volta che facciamo qualche gita in montagna c'è sempre qualcuno che si gira una caviglia e ci tocca portarlo giù faticando l'impossibile. Con gli emo visto che sono piccoli e magri si faticherebbe la metà! DOC

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.