venerdì 16 novembre 2007

Comitato noi decidiamo Catania e piste ciclabili


A Catania si sta muovendo qualcosa, ci sono tanti cittadini che non ci stanno più a sottostare a quest' amministrazione catastrofica, ieri sera ho partecipato all'incontro di città insieme giovani ed ho discusso con tanti ragazzi molto motivati a migliorare la nostra città. Ieri abbiamo anche parlato di piste ciclabili che a Catania ancora non esistono. Tempo fa avevo scritto un post dicendo che delle piste sarebbero state completate a fine 2007 (con tanto di video dell'inaugurazione dei lavori) riportando quanto scritto nel sito del comune ma naturalmente è tutto fermo o quasi... è da molti anni che dicono di dover fare le piste ciclabili ma ancora nella mia città non ho mai visto neanche il simbolo della bicicletta!!! come se questo mezzo nemmeno esistesse, veramente uno schifo!

Proprio grazie a questo gruppo di ragazzi è stato possibile fare delle pressioni al comune comunale e tre consiglieri hanno presentato un interrogazione che potete vedere sopra per far luce sulla vicenda. Insomma dal basso è possibile fare qualcosa, ma serve molta partecipazione da parte dei cittadini e attualmente a Catania sembra che molti si stiano svegliando. Sempre grazie a loro, oggi, venerdì 16 Novembre alle ore 20.00 in via siena 1 presso la sede di Cittainsieme si terrà un assemblea cittadina molto importante sull'iniziativa "Noi decidiamo" in cui saranno presenti molte realtà di movimento civile catanese (cittàinsieme, casablanca, microcosmo, comitato contro parcheggio piazza lupo).

Ecco di cosa si tratta:

Un gruppo di cittadini Catanesi, senza tessera di partito nè raccomandazioni o interessi privati, ha costituito un comitato ed ha deciso di chiamarlo "Noi Decidiamo".
L'obiettivo è ottenere l'attuazione dello Statuo del Comune di Catania per la parte che riguarda gli strumenti di partecipazione diretta dei Cittadini.
In parole povere, l'obiettivo è permettere a tutti i cittadini Catanesi di far pesare la propria opinione nella risoluzione dei problemi della città, dire ai nostri politici che non sono loro a dover decidere tutto, che anche noi (cittadini comuni) abbiamo il DIRITTO di dire la nostra. Che vogliamo concretamente contribuire alle decisioni che ci riguardano, cambiare ciò che non va, partecipare nelle scelte di chi ci amministra.
Tutto ciò è possibile perchè esiste uno Statuto (quello del Comune di Catania, approvato nel lontano 1995) che ci riconosce DIRITTO DI PETIZIONE, DIRITTO DI UDIENZA, DIRITTO DI REFERENDUM (con il quale possiamo anche abrogare decisioni assunte da Sindaco, Assessori e Consiglio Comunale).
Peccato però che questi diritti siano validi solo sulla carta, perchè manca un provvedimento (detto "regolamento attuativo") che il consiglio comunale deve ancora approvare (dopo ben 12 anni!) per definire nel dettaglio la modalità di esercizio di questi diritti.
Lo scopo finale è allora proprio quello di ottenere dal Consiglio Comunale l'approvazione della Nostra proposta di regolamento attuativo, la proposta di TUTTI i Cittadini.
Per leggere il volantino con tutti i dettagli dell'iniziativa, per leggere il testo dello Statuo, per sottoscrivere la proposta di regolamento attuativo dei cittadini, per confrontarti con gli altri sui tutti i problemi che vivi ogni giorno a Catania e che, forse, potresti risolvere esercitando semplicemente uno dei diritti che ti riconosce lo Statuto comunale ma che, in realtà (per il momento) ti sono negati,

Clicca su www.NoiDecidiamo.Tk

e partecipa all'Assemblea Cittadina di
Venerdì 16 Novembre, ore 20, in Via Siena 1
(presso il Teatro della Parrocchia S.S. Pietro e Paolo).
Catania ha bisogno anche del tuo aiuto!
Comitato Noi Decidiamo - noidecidiamo@gmail.com



Ieri durante la riunione di Città Insieme Giovani è passato anche un consigliere comunale il quale ci ha informato che oggi saranno presenti a quest' assemblea cittadina anche degli esponenti politici molto importanti del Comune, chissà cosa avranno da dire...sono curioso.

Se siete di Catania non mancate.

7 commenti:

bambam ha detto...

Buona fortuna ragazzi e affillate bene i denti che il risultato della vostra battaglia è una delle cose più belle in una città, non c'è soddisfazione più grande che muoversi all'aria aperta e farla in barba a chi non si muove se non ha quattro ruote.
Una pista ciclabile non è solo un passaggio per le bici ma è una piccola ripresa della città che viene vissuta poi da un altro punto di vista che non sia un sedile, sarà anche stupido ma ti confesso che quando giro in bici sulle piste ciclabili della mia città ho quella sensazione di star bene e respirare meglio e si è anche molto tranquilli, ma parlo da fortunata visto che qua di spazi per le bici ce ne sono tanti e il loro utilizzo è molto sentito.
Siete grandi in quello che fate.

Artemisia ha detto...

I migliori auguri e tutta la solidarieta' da una socia di Firenzeinbici!

PS Vedo che gli autori dell'interrogazione sono del partito democratico. Via, diamoglielo mezzo punto di gradimento a questo PD!

Alessio ha detto...

Eh beh per forza dovevano essere del Partito Democratico, è l'unica opposizione presente a Catania, la sinistra non è presente al comune(non è salito nessun esponente di rosa nel pugno, radicali, verdi, comunisti, rifondazione ecc.ecc)...e nemmeno l'Italia dei Valori

gizm0 ha detto...

RNP di sinistra????? Ma da quando (escludiamo la finta presenza nel governo)?

La battaglia per la democrazia è giusta, state attenti però che non è il tecnico l'importante. Auguri.

Stef88 MultiJET ha detto...

ciao.. io sono un ciclista agonista.. corro della categoria precedente ai proff.. e purtroppo anche da me scarseggiano le piste ciclibili.. la bici è un mezzo fantastico, anche se per me è come un lavoro cvredo che, una volta appesa la bici da corsa al chiodo, continuerò a coltivare la passione per le girate su due ruote all'aria aperta..

salusti.. STEFANO..

Andrea89 ha detto...

Egregio Alessio, nonchè pedalatore folle e veg(ari)ano, non ritieni che laggiù a Catania abbiate problemi ben più gravi da risolvere come l'approvigionamento idrico e la crescente desertificazione? Vabbè che ci sono i cactus, però...
Pensa piuttosto a conseguire la patente e a riversare nell'atmosfera la tua quota di anidride carbonica. Ah, dimenticavo, un ulteriore problema della bella città etnea è la criminalità, infatti qualche tempo fa (2 febbraio, ndr per gli ipocriti che festeggiano lo stesso Sant'Agata) per una partita c'è stato un morto tra gli agenti delle forze dell'ordine (Filippo Raciti, altra ndr sempre per gli ipocriti).
Ora ti saluto, devo rifocillarmi con proteine esclusivamente ANIMALI
Firmato, Andrea89
Alla prossima, non temere,

Anonimo ha detto...

Alessio, scappa finché sei in tempo.

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.