venerdì 31 luglio 2009

Giapponesi....persone straordinarie



I due turisti giapponesi a cui sono stati chiesti 695 euro per una normale cena in un ristorante di Roma hanno rifiutato l'invito della Brambilla a tornare nel nostro paese a nostre spese dichiarando:

"Non torneremo a spese del governo, sarebbe una spesa inutile fatta con le tasse del popolo italiano"

Una vera e propria lezione morale che i due turisti hanno fatto a tutto il popolo italiano i quali ci insegnano che i soldi non solo non bisogna rubarli ma si possono anche rifiutare per correttezza nei confronti di altre persone...come noi in questo caso che grazie a questo straordinario comportamento non dovremo pagare con le nostre tasse un loro soggiorno.

Il ragazzo della coppietta, Yasuyuki Yamada inoltre dichiara:

"Ringrazio, ma non ho alcuna intenzione di accettare, anche se arrivasse l'offerta formale. È la mia decisione, certo che mi piacerebbe visitare ancora l'Italia, a mie spese. Le persone che fanno truffe esistono in tutto il mondo. La prossima volta vorrei visitare meglio il Vaticano, Capri e godermi lo splendido panorama".

Da questa vicenda mi viene subito in mente l'episodio di una mia amica che l'anno scorso è andata in Giappone...era li con il suo ragazzo ed all'improvviso si mette a piovere abbastanza forte, dopo poco tempo un signore del posto gli dona il suo ombrello andandosene via sotto la pioggia senza altri ombrelli.

Probabilmente il popolo italiano ha veramente tanto da imparare da loro.

4 commenti:

Optical ha detto...

il popolo italiano ha tanto da imparare da un bel po di popoli...
certo che però non siamo proprio da buttare, alcuni nostri atteggimaenti mi rendono orgoglioso di essere italiano, vedi la mobilitazione di volontari e l'invio di offerte per l'abruzzo!

Danx ha detto...

Emozionante il gesto del signore giapponese.
Che cultura!

Anonimo ha detto...

piu' che cercare di limitare i danni , prima bisogna far rispettare le regole , in Italia e' pieno di furbi , all'estero lo hanno capito !

liili ha detto...

Per questo ci sono anche Giapponesi che non ti si siedono accanto in metro e ci sono addirittura locali vietati agli stranieri.

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.