giovedì 30 aprile 2009

Influenza suina. Cacciatori ed allevamenti intensivi



Ci risiamo...prima le mucche con l'encefalopatia spongiforme (mucca pazza), poi l'aviaria e adesso l'influenza suina, tutto questo grazie alle pessime condizione con cui l'uomo alleva i poveri animali costretti a vivere in puzzolenti lager senza igiene, alimentati con mangimi dalla scarsa qualità per massimizzare i profitti (vedi farine animali) i quali creano le condizioni ideali per lo sviluppo di batteri e virus molto pericolosi.

A quanto pare anche questa influenza è stata causata dall'uomo, quindi rinnovo il mio invito a ridurre il consumo di carne per far si che essa possa derivare da animali allevati in condizioni di vita normale.

Inoltre volevo fare una riflessione sui cacciatori, trovo che sia veramente assurdo prendersela con loro se non si è vegetariani in quanto essi alimentandosi dalle loro prede non contribuiscono ne alla formazione di pericolosi virus ne alle torture incredibili che gli animali subiranno dal momento della loro nascita fino alla morte ne all'inquinamento che producono gli allevamenti. Ovviamente questo vale solo nel caso la caccia venga fatta senza toccare le specie protette, nei periodi consentiti e luoghi consentiti senza alcuna pratica illegale. Naturalmente io preferirei che i cacciatori non esistessero proprio ma semplicemente trovo assurdo per una persona che fa uso abituale di carne da allevamento intensivo criticarli.

Vi ricordo inoltre di evitare le uova con il numero 3 iniziale del codice in quanto le galline che le depongono sono allevate in condizioni disumane (abbassate in gabbie più piccole di un foglio A4, neanche possono aprire le ali) tanto che tra pochi anni potrebbe essere illegale venderle in Europa.

In alto trovate il primo video di The Meatrix che parla proprio degli allevamenti intensivi, qui trovate anche la versione in italiano e le successive.

22 commenti:

valedimu ha detto...

Caro Alessio,
condivido appieno la tua riflessione sul rapporto caccia / allevamenti intensivi. Mi permetto di aggiungerne un'altra: le vacche da LATTE, oltre ad essere ammazzate dopo pochi anni di vita (3-5) come quelle da carne, vengono quotidianamente torturate per essere munte, senza avere NEMMENO PER UN GIORNO il contatto con il vitello che hanno partorito e per il quale producono il latte. Il vitello (un parto all'anno) viene portato via dalla mamma nel primo giorno di vita, prima che essa si abitui alla suzione naturale, e se maschio (ma anche se femmina 'poco dotata') fa UNA PESSIMA FINE: essendo di razza da latte e non da carne (quindi non pregiata) rientra nella filiera del vitello a carne bianca, altra tortura (alimentazione liquida, quindi didssenteria e antibiotici, fino a 5 mesi, quando viene macellato). Negli allevamenti da carne estensivi, al contrario, la vacca partorisce e allatta tranquillamente il suo vitello, conducendo per lo meno una vita sana. Riassumendo: il fatto di consumare latte e derivati alimenta una filiera RICCA DI SANGUE VESATO E DI MOLTE SOFFERENZE IN PIU' rispetto al semplice allevamento da carne. Molti vegetariani non considerano affatto questo 'particolare'; per questo la mia massima stima va ai VEGANI, che non consumano prodotti animali di nessun tipo. Personalmente ci ho provato, ma sono poi giunta al compromesso di adottare un'alimentazione largamente basata su cereali, legumi e verdure, con l'aggiunta di MODERATISSIME quantità di prodotti animali: carne bovina o latte indifferentemente, possibilmente da allevamento biologico, pesce non di allevamento, carne suina solo se di allevamento estensivo (consiglio al tutti la visita a un lager suino), idem per pollame e uova...
Dico tutto questo perché constato che sulla produzione di latte e derivati c'è molta ignoranza, io stessa prima di diventare agronoma non mi ero posta molte domande sull'argomento...
Ciao e a presto!!!
Valeria

LuCa ha detto...

Ciao Alessio, per una volta mi trovo in disaccordo.
Io mangio carne, e mi piace. In fondo, la natura ci ha fatto onnivori..ma non per questo "discrimino" voi vegetariani :) però, sulla caccia, me la prendo eccome. trovo che sia una pratica pessima, ma tollerabile quando si fa se poi si mangiano le prede..però, se è fatta solo per sibire un fagiano o un altro animale, solo per sport, buttando via l'animale ucciso, trovo che sia una vegogna. E qui spero, anzi sono sicuro, di trovarmi in sintonia con te.
Un saluto

Anonimo ha detto...

LuCa... la natura non ci ha fatto onnivori.. La crudelta' ci ha fatto onnivori.

Se vuoi mangiar carne vattela ad ammazzare con le tue mani e strappare con i tuoi denti.

Troppo comodo mangiarla e lasciare che degli stupendi animali che provano dolore esattamente come te vengano RINCHIUSI fin dalla nascita in gabbia minuscole e riempiti di antibiotici e altri trattamenti infernali (ma ti sei visto anche solo UN video sulle loro condizioni?) e che poi vengono uccisi solo perche' TU possa avere un minuto di soddisfazione palatale che tra l'altro avresti benissimo anche mangiando vegeteriano e vegan ?
(guardati questo blog e prova da te www.veganblog.it).

Spero che crescerai.. lo spero per gli animali a cui tu non pensi e che contribuisci a far vivere in un INCUBO...

Sei ancora in tempo a cambiare.
informati...

informatica Pratica ha detto...

Ciao! Abbiamo lanciato un contest su InformaticaPratica.com, regaliamo il nuovo iPod Shuffle (quello parlante), la partecipazione è aperta a tutti ed è gratuita, anche le spese di spedizione sono a carico nostro. L'estrazione avverrà con i numeri del lotto, in questo modo i partecipanti saranno tutelati dai furbi :) Tutti i dettagli li trovi sul blog, ovviamente ti invitiamo a partecipare. Grazie Ciao!

Mauro P. ha detto...

L'anonimo parla a sproposito, come molti qui....

Innanzi tutto vi inviterei a non sparare merda su tutti gli allevatori, poichè come sempre non esistono solo bianco e nero, ma un'ampia scala di colori.


Visto il vostro interesse per le condizioni degli animali e il DATO DI FATTO che c'è modo e modo per allevare gli animali, vi invito a fare uso del vostro enorme potere di consumatori e acquistare carne prevalentemente da allevatori di fiducia: molti dei nostri allevatori trattano gli animali molto, molto bene.



Tuttavia vi invito anche a mettere i dovuti paletti: gli animali NON sono persone, sono animali.

Eloisa ha detto...

Ale come sempre mitico. In quanto alla liceità di mangiare carne non mi pongo il problema. Io sono onnivora e niente mai cambierà le mie abitudini (a meno di cause di forza maggiore). Vorrei però che la carne venisse da animali che abbiano vissuto una vita normale, come è nelle fattorie e negli allevamenti allo stato brado (che stanno riprendendo piede) oppure si da animali cacciati, che almeno fino a 5 minuti prima si son fatti gli affari loro. In quanto alla crudeltà sugli animali inviterei a questa riflessione: la crudeltà porta sempre altra crudeltà, quindi bisogna chiederci da dove venga. Prima di sparare ad esempio sui soliti cinesi cattivi squartatori di animaletti inviterei gli indignati a farsi un giro in Sichuan e vedere come vivono (e muoiono, nell'indifferenza generale) le persone. Salvate la gente dalla miseria e avrete anche salvi gli animali.

Anonimo ha detto...

@MauroP

Se ognuno è libero di poter mangiare quello che vuole è anche libero poter "sparare merda" sugli allevatori. Ho sempre detto che che questi sono protetti in Italia. Una delle cause di questo virus è proprio l'uso intensivo degli allevamenti, non siamo solo noi blogger a dirlo. E poi condivido pienamente l'anonimo quando dice, rifacendosi alle mitiche parole di "Pluarco", che se devi mangiare carne vattela ad uccidere tu l'animale è troppo comodo trattarli come oggetti. Nascono vivono di m...a e poi trac un colpo,tutto questo aolo per una bistecchina. Gli animali non sono persone, grazie al signore, altrimenti sarebbero malvagi.

Mi dispiace per gli onnivori, ma il numero dei vegetariani sta crescendo anno per anno, per cui cambierà anche la posizione degli allevamenti nella società.Godetevi questi anni in cui potete ancora trattare gli animali a vostro piacimento, perchè dopo sarà finita.

http://vegetariano.splinder.com

Anonimo ha detto...

Dimenticavo di fare un osservazione sulla caccia:

I cacciatori mangiano carne da allevamenti e poi vanno anche a caccia, per cui più che capirli io li fermerei. La caccia sarebbe una cosa ottima se non esistessero gli allevamenti.In una società dove il cibo non manca, dover anche gravare sulle ultime zone "selvagge", mi sembra proprio uno spreco quanto un allevamento intensivo.

L'ultimo DDl del senatore Ori, dimostra pienamente cosa sono, e penso che non servano tante spiegazioni per far capire l inutilità della caccia. Si stavano facendo una legge aperta a 360 gradi per potersi divertire liberamente, se questo voi lo chiamate passione, io la chiamerei violenza.

manuele mariani varese ha detto...

ma come si fa nel 2009 a considerare ancora cibo dei pezzi di cadavere ?
ma come fate ad essere ancora carnivori in età adulta ?? non capite che è una forma di cannibalismo oltre che un residuo e un riflesso dei riti sacrificali di satanisti e devoti al culto del demoniaco e draconiano dio serpente ?
sveglia !
questo dell'influenza suina è un segno che bisogna invertire la rotta e cambiare le nostre abitudini malefiche e naziste nei confronti dei nostri compagni di viaggio nell'esperienza della vita su questo pianeta !
wake up your soul, stop eating animals !

LuCa ha detto...

"ma come fate ad essere ancora carnivori in età adulta ?? non capite che è una forma di cannibalismo oltre che un residuo e un riflesso dei riti sacrificali di satanisti e devoti al culto del demoniaco e draconiano dio serpente ?"

aspetta che bevo un pò di sangue del mio cane da una ciotola di teschio umano mentre mi faccio cospargere di interiora e faccio un pentacolo rovesciato con le budella del gatto del vicino, invocando satana....

Comunque, esistono allevamenti e allevamenti, così come esistono persone buone e cattive..sinceramente, non ci vedo nulla di male a mangiare del prosciutto o una bistecca, provenienti da allevamenti certificati dove gli animali vengono allevati in tranquillità e sicurezza..che poi, l'uomo fa parte dell'ecosistema e mi sembra una creatura dominante su altri animali, che PUO' mangiare.
TUTTO sta alla nostra coscienza. Bisogna trovare il giusto equilibrio, perchè anche mangiare solo carne è poco salutare.
Quindi, siccome noi possiamo mangiare di tutto, creedo che sia meglio mangiare di tutto, un pò.

Davide ha detto...

@Luca

"TUTTO sta alla nostra coscienza."


Non puoi parlare in questi termini della vita di altri esseri viventi, non sta a voi decidere chi deve vivere chi invece deve morire, non siete delle divinità. Il giorno che con le vostre mani andrete a cacciare il vostro cibo, visto che dici che possiamo mangaire di tutto, allora avrai tutto il mio rispetto ed la mia approvazione, fino ada allora mi sembrerete solo degli sfruttatori, per non dire altro..

Davide ha detto...

@Luca

"TUTTO sta alla nostra coscienza."


Non puoi parlare in questi termini della vita di altri esseri viventi, non sta a voi decidere chi deve vivere chi invece deve morire, non siete delle divinità. Il giorno che con le vostre mani andrete a cacciare il vostro cibo, visto che dici che possiamo mangaire di tutto, allora avrai tutto il mio rispetto ed la mia approvazione, fino ada allora mi sembrerete solo degli sfruttatori, per non dire altro..

Anonimo ha detto...

@Luca

"TUTTO sta alla nostra coscienza."


Non puoi parlare in questi termini della vita di altri esseri viventi, non sta a voi decidere chi deve vivere chi invece deve morire, non siete delle divinità. Il giorno che con le vostre mani andrete a cacciare il vostro cibo, visto che dici che possiamo mangaire di tutto, allora avrai tutto il mio rispetto ed la mia approvazione, fino ada allora mi sembrerete solo degli sfruttatori, per non dire altro..

Anonimo ha detto...

@Luca

"TUTTO sta alla nostra coscienza."


Non puoi parlare in questi termini della vita di altri esseri viventi, non sta a voi decidere chi deve vivere chi invece deve morire, non siete delle divinità. Il giorno che con le vostre mani andrete a cacciare il vostro cibo, visto che dici che possiamo mangaire di tutto, allora avrai tutto il mio rispetto ed la mia approvazione, fino ada allora mi sembrerete solo degli sfruttatori, per non dire altro..

Anonimo ha detto...

Una cosa che ho notato spesso nella gente che si considera onnivora (l'uomo deriva dalla scimmia, L'UOMO NON è NEL MODO PIù ASSOLUTO UN ONNIVORO!)è il credersi al centro del mondo. Tu pensi che l'uomo sia una creatura dominante sull'intero ecosistema? Stai scherzando, vero? Dominare significa uccidere un animale e mangiarlo. E questo lo fa un leone, per esempio. Ma tenere un animale in una stalla, o anche in un bel recinto gigantesco, per poi ammazzarlo è una crudeltà che non si è mai vista in natura! Riflettici, la mente umana funziona solo se è aperta!

zorg_sm at hotmail.it

LuCa ha detto...

TUTTO ciò che è in mano all'uomo può essere usato per i fini diversi! (e sai benissimo che non intedevo dire che possiamo decidere della vit degli altri, mi riferivo a un discorso generale. Un esempio stupido, un bisturi lo posso usare per salvare una vita ma anche per toglierla)
L'uomo non è nè carnivoro al 100% (non ha artigli o simili di natura) ne erbivoro al 100% (dovremmo avere un intesino lungo circa 20metri).
L'uomo non è il re dell'ecosistema (un orso può uccidermi quando vuole e mangiarmi anche) però gli uomini sono dotati di INTELLETTO (si spera) che gli permette di uccidere una mucca tramite mezzi che si è csotruito da SE', con la sua INTELLIGENZA e la sua ABILITA' MANUALE. cosa dici, forse è quella che ci rende in grado di provvedere autonomamente a noi stessi, come potremmo ad esempio intrappolare un coniglio se prima non costruiamo una trappola adatta? Così come non potremmo macinare il grano e fare il pane se prima non avessimo inventato la macina...!

"Dominare significa uccidere un animale e mangiarlo. E questo lo fa un leone, per esempio. Ma tenere un animale in una stalla, o anche in un bel recinto gigantesco, per poi ammazzarlo è una crudeltà che non si è mai vista in natura!"
Il leone è dotato di artigli. L'uomo, come ho detto prima, di cervello e di un corpo in grado di costruire moltissime cose. Quindi, il leone uccide la mucca sbranandola, l'uomo la uccide in un altra maniera!

Mauro P. ha detto...

@ Luca:
mai sentito parlare di "causa persa"?
Un tipico esempio di causa persa è quella in cui il tuo interlocutore è fermo sulle sue posizioni e non accetta nemmeno di poter riflettere sulle sue convinzioni, tanto che è ottuso. Se invece di parlare a vanvera e di farcirsi la mente di ciò che più gli fa comodo alzassero anche il culetto dalle sedie delle scrivanie e girassero un po' il mondo, forse aprirebbero gli occhi.

Anonimo ha detto...

Mauro P., ti ricordo che molti vegetariani non erano esattamente dei deficenti attaccati al pc dal mattino alla sera. E molto probabilmente conoscevano il mondo molto meglio di quanto non lo conosca tu. Purtroppo è facile chiudere gli occhi e fingere che gli animali muoiano senza dolore, solo per riempire i nostri piatti.

Spero veramente che ti fermi a riflettere sulla natura dell'uomo, è una cosa che ti renderà consapevole di cosa stai per mangiare ogni volta che avrai una bistecca davanti agli occhi.

zorg_sm at hotmail.it

Eloisa ha detto...

Concordo con Mauro P., Luca lascia perdere, non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire. Ognuno è libero di fare le scelte che vuole ma noto che in questo blog molti non lo capiscono. Chi vuole essere vegetariano lo sia, ma non accusi il prossimo di essere incivile o cannibale oppure di compiere un rito satanista. La vita è crudeltà e prevaricazione, chi non lo accetta è un debole che vive nel magico mondo dei teletubbies. Specialmodo chi fa certi discorsi (chi ha orecchie per intendere intenda)
L'umanità deve depopolare e decrescere (a cominciare da chi fa questo tipo di discorsi), ma fose grazie a Dio si estinguerà prima.

Anonimo ha detto...

"L'umanità deve depopolare e decrescere (a cominciare da chi fa questo tipo di discorsi)"


Penso non ci sia da commentare, una tale stronzata rappresenta in pieno lo stile di chi non ha argomentazioni e si arrampica sugli specchi.


zorg_sm at hotmail.it

Eloisa ha detto...

Secondo te è una stronzata? L'umanità cresce ad un ritmo del 2% annuo... sai quanti saremo tra 50 anni? fai un po' un conto se sai la matematica e pensa se la Terra potreà ospitare tutte queste persone. La risposta è NO, anzi siamo già troppi.
Altra cosa, sai cosa significa decrescere? Sai cos'è un'impronta ecologica? Se lo sapessi e sapessi quant'è grande l'impronta ecologica di un americano sapresti che non si puo' andare avanti così e la soluzione non è certo mangiare solo vegetali, perchè non basterebbero neanche quelli.

Anonimo ha detto...

E' risaputo che:

1 non esite un vaccino contro l'influenza (di nessuna specie). Al giorno d'oggi non esiste nemmeno un farmaco che curi il raffreddore.

2 l'influenza del 1918 ha avuto effetti devastanti proprio a causa del vaccino. Chi era sano si ammalo'.

3 guarda caso si parla solo di due farmaci, uno della Roche e l'altro della Glaxo. Che coincidenza..

4 NOTA BENE: i giornali italiani sono in mano alle case farmaceutiche.

5 il vaccino ve lo ficcate su per il culo voi medici che a seconda di quanti farmaci SPACCIATE vi danno viaggi premio all inclusive ed altri benefici. figli di puttana venduti, il giuramento di Ippocrate non sapete nemmeno cos'e'.

Il Blog è senza pubblicità.
Se hai il piacere di offrirmi qualcosa, puoi fare una piccola donazione. Grazie.